Le banche ribassano stime crescita per il 2013. NBS: senza l’auto avremmo recessione

Le banche in Slovacchia hanno di nuovo rivisto le previsioni di crescita economica per il prossimo anno. Secondo l’indagine periodica di ottobre svolta dalla Banca Nazionale della Slovacchia (NBS), gli analisti delle banche commerciali si attendono in media un incremento del PIL nazionale del 2,1% nel 2013. Rispetto alla prognosi di settembre, il dato è peggiorato di 0,1 punti percentuali, ed è inferiore dello 0,3% rispetto alle stime di due mesi prima. Ciò conferma le aspettative di un rallentamento dell’economia slovacca nei trimestri successivi, in particolare per l’influenza negativa dell’indebolimento delle economie dei paesi della Zona Euro che sono oggi i maggiori partner commerciali del Paese, a cominciare dalla Germania.

Secondo il governatore di NBS Jozef Makuch, la Slovacchia sarebbe oggi nella morsa della recessione se non avesse il sostegno dell’industria automobilistica che è in questo momento il principale motore dell’economia nazionale. Fino ad oggi l’influenza della crisi del debito europea sul paese è stata tutto sommato leggera rispetto a quanto ha invece colpito i paesi circostanti, ha detto Makuch, ma ci sono segnali di un rallentamento congiunturale. L’unico indicatore positivo al momento per le imprese è la decisione della BCE di tagliare i tassi, il che dovrebbe portare un calo generalizzato del costo del denaro anche per le aziende.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.