Kalinak e Pollak presentano prime 14 misure della riforma per le questioni rom

Il Ministro degli Interni Robert Kalinak (Smer-SD) ha ieri presentato insieme al delegato del governo per le comunità rom Peter Pollak (OLaNO) 14 nuove misure per affrontare la questione rom nel settore dell’istruzione. Tra le misure, studiate da Smer insieme al partito di opposizione, vi sono l’introduzione di una istruzione prescolare di tre anni obbligatoria per i bambini provenienti da famiglie difficili, e il dovere di iscriversi a un programma di formazione triennale per lavori manuali, anche per gli allievi che non terminano gli studi della scuola primaria. L’intero pacchetto è previsto essere messo in opera nel giro di due-tre anni.

Vogliamo attuare questa riforma «perché i bambini devono essere parte della scuola», ha detto Pollak. Secondo il capo dei suo partito, Igor Matovic, non è salutare per i bambini vivere in un ambiente che è contrassegnato da disoccupazione di lunga durata, comportamenti criminali dei loro genitori e una cronicità di assenze ingiustificate dalla scuola. Non lasceremo l’educazione dei bambini ai loro genitori, ha detto Matovic, ma porteremo «i bambini fuori dall’ambiente che normalmente li condannerebbe a rimanere per strada».

L’istruzione rappresenta circa un sesto dell’intero blocco di riforme preparate per risolvere i problemi strutturali delle relazioni con i rom. L’intera riforma dovrebbe essere svelata in diverse parti nel corso delle prossime cinque settimane, e le altre questioni da affrontare sono l’applicazione della legge, gli alloggi, il sistema sociale, l’occupazione e il benessere sociale.

(Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google