Fuoriuscita di sostanze petrolifere contamina il Danubio

È stata data notizia solo ieri, ma il fatto sarebbe accaduto domenica, di una lunga scia di tre chilometri di sostanze oleose lungo il fiume Danubio nella zona di Cunovo, il bacino a sud-est di Bratislava chiuso da una diga. Come ha informato il portavoce dell’Ispettorato per l’ambiente slovacco, Michal Stefanek, la marea nera è quasi certamente stata causata dal una nave da carico nell’atto di “lavare” le sue cisterne. La causa ipotizzata dell’inquinamento sarebbe confermata dal fatto che sono state trovate anche altre sostanze nel Danubio utilizzate per il lavaggio.

Zoltan Szalay, direttore dell’Autorità statale di navigazione a Bratislava, ha detto a Tasr che i suoi uomini hanno ispezionato diverse navi, ma non avevano a ieri ancora trovato il battello colpevole della perdita.

Una ventina di vigili del fuoco sono stati inviati domenica con una serie di mezzi e due imbarcazioni per far fronte al danno, in particolare per evitare la contaminazione del sistema di fiumi e torrenti collegati al Danubio, utilizzando sostanze solventi e barriere galleggianti di contenimento. Sempre ieri in serata Stefanek ha ammesso che il danno, in fin dei conti, non era così ampio come ritenuto in un primo momento, e la Società idrica di Bratislava ha confermato che non ci sono rischi per la salute delle persone.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google