SPP: Premier toglie dall’agenda del governo la discussione sulla vendita della minoranza

Come promesso, il governo ha rimosso ieri, mercoledì 17 ottobre, dall’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri la discussione sul trasferimento della quota del 49% della società di distribuzione del gas slovacca SPP, quota ora di proprietà dei un consorzio franco-tedesco composto da Suez-Gaz de France ed E.ON Ruhrgas. Queste hanno raggiunto recentemente un accordo per la vendita della minoranza dell’utility slovacca SPP al gruppo energetico ceco Energetický a Prúmyslový Holding (EPH). La maggioranza azionaria del 51% rimane in mano allo Stato.

La mossa governativa è arrivata dopo che E.ON e GDF, che nonostante la loro quota di minoranza hanno il controllo sulla gestione di SPP, non hanno ritirato entro le 10 del mattino, come imposto loro il giorno prima dallo stesso Permier Fico, una proposta di aumento dei prezzi del gas che il Primo Ministro ha definito irricevibile. Le proposte inoltrate da SPP all’autorità di regolamentazione per la verità sono due, entrambe decisamente salate: il rincaro richiesto va dal 18,56 al 25,43% per i prezzi da praticare al mercato del gas domestico il prossimo anno.

La gestione SPP ha spiegato le richieste in una lettera al governo, ma il premier non si è scomposto e ha detto che se non veniva ripresentata una proposta con quello che ha definito «uno 0,00% di aumento», il governo non avrebbe discusso del via libera alle due società per vendere la loro quota in SPP.

(Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google