Il poliziotto pluriomicida di Hurbanovo giudicato mentalmente incapace dagli psichiatri

L’agente di polizia municipale Milan Juhasz, che ha ucciso tre rom e ferito gravemente altri due nella città di Hurbanovo a metà giugno, non era in grado di comprendere la pericolosità del suo comportamento e non era in grado di controllare le sue azioni, dice una valutazione della sua condizione mentale stilata da consulenti esperti.

Questa sarebbe la seconda perizia psichiatrica, dopo la quale non è più così certo che l’ex poliziotto 51enne finirà dietro le sbarre per almeno 25 anni come è previsto per omicidio plurimo. Juhasz potrebbe invece finire in un istituto di igiene mentale. Secondo i medici Juhasz soffre di personalità paranoide in evoluzione, e il ricovero in un ospedale psichiatrico servirà a impedire il ripetersi di tale comportamento.

«Riteniamo la valutazione poco chiara», ha detto il capo della polizia Tibor Gaspar, lasciando intendere che la polizia non accetta le conclusioni dell’esame psichiatrico. Secondo il quotidiano Sme, la polizia non esclude di chiedere ora un ulteriore test.

I colleghi di Juhasz non avevano notato alcun disturbo di personalità fino al momento del fatto. Hanno sempre parlato di lui come di un bravo agente, che era popolare tra i colleghi.

L’ex agente di polizia è ora in custodia cautelare nel carcere di Leopoldov. Secondo gli esperti è in grado di comprendere il significato del procedimento penale e la sua posizione personale nella causa.

(Red, Fonte Sme)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.