Slovacchia e Repubblica Ceca primi in UE per numero di lavoratori nell‘industria

Repubblica Ceca e Slovacchia sono in testa in Europa per la quota di forza lavoro impiegata nel settore dell’industria. Se in totale sono 38,4 su cento i cechi che lavorano nell’industria – percentuale più alta tra tutti i 27 paesi membri dell’UE – la Slovacchia è buona seconda con 37,4 lavoratori industriali ogni cento. Questi numeri escono dall’ultima pubblicazione dell’ufficio statistico europeo Eurostat con dati 2011, una classifica che mostra come i paesi più industrializzati dell’Europa occidentale abbiano da tempo ridotto il proprio livello di lavoratori nell’industria, aumentando nel contempo la componente di forza lavoro impiegata nei servizi. Nel caso dell’Italia, per esempio, solo il 28,5% dei lavoratori ha un impiego nell’industria, mentre ben il 67,9% ha un lavoro nei servizi, siano essi di mercato o no, quote non distanti dai dati della Germania. La Slovacchia impiega il 59,8% dei suoi lavoratori globalmente nei servizi, mentre la Repubblica Ceca si ferma al 58,6%, dati entrambi notevolmente al di sotto della media UE del 70% circa. I due paesi sono paragonabili anche per la forza lavoro utilizzata nell’agricoltura: il 3% in entrambi i paesi. Le quote inferiori di lavoratori nell’industria nell‘UE-27 sono registrate in Lussemburgo e Olanda, con il 13 e il 17% rispettivamente.

I dati dell’Unione Europea per il 2011 includono anche le informazioni sulle ore lavorate a settimana dagli stipendiati a tempo pieno. I dati mostrano come anche in questo rispetto Slovacchia e Repubblica Ceca si piazzino al top della lista con 41 ore settimanali entrambe, insieme a Croazia Slovenia e Romania, un dato superiore alla media UE-27. In paesi come Gran Bretagna, Portogallo, Cipro e Austria la cifra di ore lavorate settimanali è più alta (il massimo numero di ore lavorate si riscontra tra i britannici con 42,2), mentre tutti gli altri paesi, chi più chi meno, sono tutti sotto alla media. L’Italia non brilla con 38,8 ore di lavoro medie a settimana, mentre sono i paesi „associati“ che ancora non sono stati messi in lista per l’ingresso nell’UE a mostrare l’orario più impegnativo settimanale dei loro lavoratori. La Turchia spicca con ben 52,1 ore a settimana, e la Repubblica di Macedonia segue con 43.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google