Tornano dopo 20 anni a Bratislava. La Filarmonica di Vienna al BHS

Pubblico delle grandi occasioni e tutto esaurito da tempo per l’Orchestra Filarmonica di Vienna che è ritornata a Bratislava domenica 7 ottobre dopo 20 anni di assenza. E anche questa volta lo ha fatto alla grande, sotto la direzione dell’italiano Daniele Gatti e nell’ambito del maggior festival della Slovacchia, BHS – Festival della Musica di Bratislava, con un programma raffinato composto dalle sinfonie numero 3 e 1 di Brahms.

La sede della Filarmonica che ospita il BHS è stato degno contenitore di questo concerto, come anche di tutto il programma del festival. La bellezza e i pregi della rinnovata e scintillante sala da concerti si è potuta apprezzare al massimo delle potenzialità, con l’esecuzione ultra precisa dell’orchestra che ha reso eccezionalmente palpabile il genio di Brahms.

La 3. Sinfonia che ha aperto il concerto, è considerata come l’ideale continuazione dell’opera di Beethoven, tanto da meritarsi il titolo di Decima sinfonia del grande compositore di Bonn. Anche nella seconda parte del concerto, con la 1. Sinfonia, si è potuto sentire quanto sia forte, in Brahms, l’eleganza della struttura che sintetizza la tradizione classica con il romanticismo ottocentesco. La musica brahmsiana è orientata verso un brillante sinfonismo, e contraddistinta da una sistematica tendenza di revisione della composizione, accompagnata dalla propensione a prediligere la musica popolare viennese e ungherese, che la rende così orecchiabile.

Tra gli appassionati della buona musica, in sala, tante le personalità, da esponenti del mondo culturale, a quello economico, da quello politico a quello diplomatico, tra cui l’Ambasciatore d’Austria, del Giappone, del Portogallo e l’Ambasciatore d’Italia, Roberto Martini che durante l’intervallo e dopo il concerto, ha avuto modo di parlare con la direttrice del festival BHS, Izabela Pažitková, e il Ministro della Cultura, Marek Maďarič.

A fine evento l’Ambasciatore Martini ha incontrato anche alcuni membri della Filarmonica di Vienna, complimentandosi per il concerto.

Altro politico presente era il Ministro delle Finanze Peter Kažimír; nella platea c’erano pure Marián Lapšanský, direttore della Filarmonica Slovacca, Katarína Bajcurová, ex direttrice della Galleria Nazionale Slovacca, e l’artista Laco Teren. Il direttore d’orchestra Daniele Gatti non ha potuto prendere parte ai festeggiamenti, del dopo concerto, in quanto doveva subito volare a Milano.

Il bellissimo concerto di Bratislava, esattamente con identico programma e orchestra, sarà godibile nell’imminente futuro anche a Torino.

(Marco Gerbi)

(nella foto: Daniele Gatti, dal sito danielegatti.eu)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google