Vescovo Bezak: l’uomo nuovo della Chiesa slovacca o un ribelle briccone?

Segnaliamo, per un riepilogo (non finale ma quanto meno in parte chiarificativo) della vicenda dell’ex arcivescovo di Trnava mons. Robert Bezak, un articolo pubblicato da Sandro Magister sul suo sito http://chiesa.espresso.repubblica.it. Il pezzo riprende, oltre alle scarne informazioni date dagli ambienti vaticani sulla vicenda della rimozione del giovane pastore (52 anni) dalla guida della sua diocesi, anche altre fonti sulle possibili cause del suo brusco licenziamento e messa a riposo. Il sito riporta anche una presunta ricostruzione dei fatti, scritta «da un cattolico slovacco critico della decisione vaticana», come riporta Magister. Se il vaticanista rimane quanto possibile neutrale nella questione, quest’ultimo scritto è invece una strenua difesa dell’operato e della persona di Bezak, visto da molti cattolici e non come una ventata d’aria nuova nella Chiesa slovacca. E punta il dito sul fatto che il vescovo avrebbe scoperto un vaso di Pandora finanziario e di gestione ombrosa del suo predecessore, il chiacchierato Jan Sokol, ritiratosi per raggiunti limiti di età nel 2009 ma che avrebbe di fatto tenuto ancora il controllo di parte degli affari finanziari della diocesi, con conti cifrati a suo nome piuttosto ricchi (milioni di euro). La versione di Bezak, purtroppo, non la si saprà probabilmente mai, almeno non in vita, dal momento che gli è stato imposto il silenzio e l’esilio in altra diocesi (in un convento redentorista, ordine al quale appartiene), prescrizioni che per il momento avrebbe tutta l’intenzione di rispettare.

Qui l’articolo di Magister: http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350329. E qui l’elaborato del presunto e anonimo “cattolico slovacco”, dal titolo “Un vescovo dal volto umano”: http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350328.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.