Slovnaft: mercato europeo in calo, cancella il 9% dei suoi posti di lavoro

La raffineria Slovnaft, che è parte del gruppo petrolifero e del gas ungherese MOL, ha in programma la cancellazione del 9% dei posti di lavoro per l’attuale calo della domanda di prodotti petroliferi in Europa, diminuita del 10% negli ultimi anni con le previsioni future che rimangono grigie. L’azienda, come ha detto l’addetto stampa Anton Molnar a Tasr, non è in grado di indicare oggi «le cifre esatte di quante persone saranno interessate dalle misure di razionalizzazione». Secondo lui, il reale impatto sul personale attuale interesserà circa il 7% della forza lavoro presso l’azienda, che consiste in circa 250 lavoratori, secondo i media. La differenza tra il 9% dei posti azzerati e la riduzione effettiva del 7% del personale è data dal fatto che molti dei posti di lavoro sono già oggi vacanti.

Slovnaft deve nel frattempo aumentare i volumi degli investimenti per il futuro, che giò nel corso degli ultimi 10-15 anni sono costati tra i 110 e i 120 milioni di euro ogni anno. Secondo Molnar, questa cifra dovrebbe aumentare principalmente per la prevista costruzione di una nuova linea per la produzione di polietilene – un lavoro da 200 milioni di euro assegnato all’italiana Technimont – e l’ammodernamento dell’unità per la produzione di etilene.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.