Viaggiare lenti: diario in bici Trieste-Cracovia – Parte 10, Slovacchia 4

di Diego Manna

[…] se incaminemo verso el castel de Nosferatu. Gavemo el passo degno de una clapa de veci de cantier. Michele se cimenta nela posizion con le man drio la schena, also known as “la classica”. Rivemo sul porton, che xe verto. Volè entrar? Anche sì dei, semo salidi fin qua. Eh, ma xe de pagar. Ostia. Questa xe l’ora del’istrianità ale stele. No se pol pagar ale 9 de matina. I ne sera fora. Mi, Massimo e Paolo tentemo el colpacio. Nascosto tra i alberi, sula sinistra, ghe xe un sentiero che se inerpica a fianco dei muri del castel. Se rampighemo. Rivemo un poco più in su, stanto tenti de no finir longhi. Ne par de esser un picio esercito de invasori. Tanto a sta ora Nosferatu dormi. In quel, dele guardie de dentro el castel ne vedi. Sarà i arceri, ocio. I ne ziga. I continua a zigar. No capimo se i scherza o se i xe incazai per bon. Nel dubio, l’esercito bati in ritirata. […]

Continua a leggere su bora.la. Per un chiarimento sull’etimo della “clanfa” vedere qui.
Per chi volesse saperne di più vedere il primo nostro articolo sul passaggio a Bratislava dei sette triestini doc.

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.