Ryanair: scalo d’emergenza per un volo diretto a Bratislava e per uno da Bergamo

Una serie di „inconvenienti“ sono accaduti a diversi voli della compagnia irlandese low-cost Ryanair sui cieli d’Europa questa estate. L’ultimo sarebbe capitato a un volo da Londra-Stansted diretto a Bratislava, costretto a uno scalo a Berlino, come ha riportato lunedì il più letto quotidiano tedesco Bild. L’atterraggio è stato comunque fatto in assoluta sicurezza e senza ulteriori problematiche se non quella relativa a un notevole spavento dei passeggeri a bordo, riporta il sito di notizie aeronautiche Avionews.it.

I diversi inconvenienti di Ryanair hanno portato ad un innalzamento della soglia d’attenzione da parte delle autorità di volo. In Spagna hanno intenzione di effettuare ispezioni più approfondite sugli aerei della compagnia, dopo l’ultimo problema avvenuto il 16 settembre su un volo Parigi-Tenerife che è stato costretto ad un atterraggio non previsto a Madrid per quello che il vettore avrebbe definito «un piccolo problema tecnico». Peraltro, dal Ministero dei Trasporti spagnolo hanno richiesto un incontro al Commissario europeo Siim Kallas proprio per discutere del potenziamento dei controlli sugli aereomobili irlandesi. Appena il giorno prima un altro volo Bristol-Reus era pure atterrato a Madrid per un problema a un motore.

E ieri un guasto tecnico ha costretto un altro aereo Ryanair, sulla tratta Bergamo-Nottingham, a sospendere il volo con uno scalo a Francoforte. Questa volta il guasto ha fatto passare quindici minuti di inferno ai passeggeri e personale di bordo: la cabina di pilotaggio si è depressurizzata, e mentre l’aereo lanciava l’Sos le mascherine di ossigeno erano pronte all’uso. È finito tutto bene, ma questa situazione non può continuare.

In altre quattro circostanze, durante l’estate, aerei della compagnia hanno dovuto fare atterraggi di emergenza per scarsità di carburante nei serbatoi, questione che pare nascere da un ordine interno nel tenere le riserve di carburante al minimo.

Le varie soluzioni per alleggerire gli aeromobili, e dunque risparmiare sul carburante, aumentando allo stesso tempo la capienza all’inverosimile, hanno portato a Ryanair una serie di critiche, ma pare che il potere di attrazione della compagnia rimanga immutato nei confronti dei passeggeri, e così anche l’appeal nei confronti di amministrazioni regionali di tutta Europa che stanziano contributi o tagliano i costi aeroportuali per avere un collegamento con „il“ vettore low-cost. Le ultime novità in fatto di alleggerimento riguardano la rinuncia al ghiaccio per i drink in cabina e la ridimensione della rivista di bordo. Allo studio anche l’idea di rimuovere i braccioli dalle poltrone, già di per sè piuttosto scomode, o di modulare il prezzo in base al peso di ogni singolo passeggero.

Per chi si muove tra Italia e Slovacchia, comunque, Ryanair rimane una delle poche soluzioni economicamente accettabili per chi si muove frequentemente per ragioni private – soprattutto dopo la rinuncia di Danube Wings al mercato italiano – anche se la scelta delle località di partenza è piuttosto limitata.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google