Skanska Slovakia querela lo Stato per la gara dalla quale è stata esclusa

Secondo quanto ha scritto ieri il quotidiano Hospodarske Noviny, la Slovacchia potrebbe affrontare cause legali del valore di milioni di euro. La società di costruzioni Skanska starebbe infatti considerando, scrive il giornale, di citare in giudizio lo Stato slovacco per la sua esclusione dall’appalto per la costruzione di un binario della lunghezza di 12 chilometri della ferrovia tra Zlatovce e Trenčianska Teplá. La società fece l’offerta più bassa nel bando di gara per 200 milioni di euro nel corso del mandato del primo governo del Premier Robert Fico (2006-2010). Si tratta della procedura contestata di appalto che si è protratta più a lungo in Slovacchia.

I rappresentanti di Skanska criticano la decisione dell’Ufficio appalti pubblici (UVO), che li ha esclusi dal concorso, e dicono che il provvedimento era intenzionale e sbagliato. Oltre a un risarcimento per quella che la società ritiene una scorrettezza, Skanska potrebbe anche chiedere alla Corte regionale di Bratislava di emettere un’ingiunzione per vietare che il gestore della rete ferroviaria slovacca, la società statale Železnice Slovenskej Republiky (ZSR), firmi un contratto per la realizzazione della linea con un altro offerente. Se Skanska non otterrà quello che vuole dai tribunali slovacchi, ha intenzione di rivolgersi alla Corte di giustizia europea.

(Fonte HN)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.