Viaggiare lenti: diario in bici Trieste-Cracovia – Parte 7, Slovacchia

Prima o poi l’amore arriva, i disi. El xe là, che el te speta. A volte basta un’ociada per riconosserlo. Xe chi che disi che xe question de sguardi. O chi che disi che xe solo una question de chimica. O de odori. Romanticamente, spuze. Mi son sempre stado atrato dei colori. I colori xe sinceri, i te disi tante robe. Se te ga i colori giusti, te fa subito brecia nel mio cuor.

In supermercato, in Slovacchia, me se manifesta davanti i colori giusti. E me inamoro. Ecoli.

Xe le caramele Pez. Quele arancion. Vardè che arancion. La foto no rendi. El iera più vivo, e più caldo. Quel’arancion no pol contar monade. Xe acogliente, xe l’arancion del fogolar dopo el bianco de una tempesta de neve. Le compro. Mie! Ma che raza de Pez i ga qua? Mi conosso solo che quele retangolari, che te meti nei dispenser coi facioni de Paperino, dei Muppets, e de vari ed eventuali altri personagi. Queste Pez apocrife me xe sconosciute. Le zerco. Festa. Savevo mi che le gaveva i colori giusti. Viva l’amor. Tempo meno de un’ora e la fiama dela passion za se studa. Le me abandona. Sedoto e abandonado. Le go finide. Xe un amor impossibile. Anche ciolendo mile pacheti, li finiria in meno de un giorno. Eco, la storia de amor più curta del mondo.

Continua a leggere su bora.la.
Per chi volesse saperne di più vedere il primo nostro articolo sul passaggio a Bratislava dei sette triestini doc.

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.