Lipsic lancia il partito “Nuova Maggioranza”, analisti scettici su suo potenziale

L’ex vice-presidente del Movimento Cristiano-Democratico (KDH) Daniel Lipsic ha annunciato la creazione di un nuovo movimento politico. Lipsic, ex Ministro della Giustizia (2002-06) e degli Interni (2010-12), intende ripartire da zero con Nuova Maggioranza [Nova Vascina], partito che ha creato insieme con Jana Zitnanska, la collega KDH insieme alla quale stava lavorando da qualche mese a preparare questa nuova avventura. Il nome del partito, ha spiegato Lipsic domenica alla conferenza stampa di presentazione, «significa nuova politica, nuova economia e nuova etica», ed è il risultato di mesi di discussione con slovacchi disgustati con lo stato attuale delle cose nella politica slovacca, ha detto Lipsic.

Secondo il leader SDKU-DS Pavol Freso, una ulteriore suddivisione dei partiti di destra (dopo la nascita appena lo scorso anno di Gente Ordinaria di Igor Matovic), è sicuramente una buona notizia per i socialdemocratici di Smer-SD. «Possiamo battere Smer soltanto se siamo insieme. Non ho sentito alcuna idea nelle dichiarazioni di Lipsic che non potrebbero essere portate avanti nell’ambito dei partiti esistenti», ha detto Freso.

L’analista politico Tomas Koziak, sentito da Tasr, sostiene che il movimento di Lipsic non ha una reale possibilità di arrivare in Parlamento in caso di elezioni. Juraj Marusiak fa notare con una sana ironia che il centro-destra sta cominciando a diventare un po’ affollato, ragionando sui partiti e movimenti già esistenti, oltre che su altri gruppi interni ai vari schieramenti che mostrano un certo livello di insofferenza alla linea del partito. Peraltro, ha detto Marusiak, KDH ha già incassato molto bene la fuoriuscita di altri “pezzi da novanta” in passato, come Frantisek Miklosko e Vladimir Palko (che hanno costituito il partito dei Democratici conservatori KDS) senza risentirne particolarmente. Gli elettori cristiano-democratici, ha detto, sono piuttosto stabili.

La mossa di Lipsic non è affatto una sorpresa, già nell’ultimo scorcio del governo Radicova, da Ministro degli Interni, si era speso molto nel dialogo pubblico e aveva fatto dell’inchiesta sul caso Gorila (il dossier dei servizi segreti che smaschererebbe una fitta attività di corruzione politica a favore di alcune aziende nel programma di privatizzazioni promosso dal secondo governo di Mikulas Dzurinda / SDKU / nel 2005-06) una sua bandiera. Anzi, pareva chiaro che Lipsic stesse “cavalcando la tigre” perché desideroso di fare una sua campagna elettorale personale, che lo ha di fatto portato ad ottenere più voti di preferenza dello stesso leader del partito Jan Figel alle elezioni politiche di marzo 2012. Nonostante questo, Lipsic ha poi deciso di non correre per la leadership del partito, lasciando che Figel fosse riconfermato nel mese di aprile. Lipsic aveva anche tentato nei mesi scorsi di coinvolgere nell’avventura Iveta Radicova, ex Primo Ministro con SDKU e ora fuori dalla politica, ma non gli era riuscito. La Radicova era supposta lanciare un suo proprio progetto politico dopo la fine del suo governo, cosa che a tutt’ora non è ancora successa.

Intanto il nuovo partito ha iniziato a raccogliere le 10.000 firme necessarie per essere ufficialmente registrato presso il Ministero degli Interni. Tra le questioni in agenda, una serie di misure per affrontare questioni come la disoccupazione di lunga durata, stipendi degli insegnanti, e un sostegno per le piccole e medie imprese.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google