Video: la guardia nazionale celebra SNP con musica dance e una pantomima volgare

Lo scorso mercoledì, mentre le maggiori autorità del Paese auspicavano “unità, solidarietà e spirito di corpo” tra gli slovacchi – rievocando le caratteristiche tipiche dei soldati e civili slovacchi durante l’Insurrezione Nazionale Slovacca (SNP), la guardia presidenziale si è esibita in uno show che a dir poco ha lasciato a bocca aperta quanto meno i numerosi diplomatici stranieri presenti a fianco delle figure istituzionali e politiche.

Riuniti a Banska Bystrica per commemorare le gesta dei partigiani slovacchi nella rivolta del 1944, davanti al monumento dedicato a quelle gesta, si sono visti propinare un inatteso “balletto”, a nostro avviso decisamente sguaiato, fornito da una squadra di otto militari fino a quel momento seriosi e compassati. La performance, accompagnata da un brano da discoteca di DJ Antoine con un testo decisamente scurrile per la situazione (per fortuna in inglese), e la canzone di Michael Jackson They don′t care about us, ha suscitato qualche ilarità tra il pubblico presente, ma una volta arrivata sul web ha poi provocato centinaia di reazioni disgustate.

Il sito Topky.sk ha pubblicato un articolo dettagliato sulla cosa, corredato di video che è diventato virale in poco tempo. Fra le centinaia di commenti all’articolo, quello di Peter lamenta che «improvvisamente non si sa chi è stato il coreografo, chi ha scelto le canzoni… e le prove – proprio nessuno sa niente … Forse era una specie di danza di protesta delle guardie del castello … almeno sappiamo dove finiscono le nostre tasse …». Mentre Donald Katcher ipotizza ironico: «Ma non stavano provando una parodia di Accademia di polizia?», riferendosi alla nota serie di film comici americani.    Mentre Balogh, sconsolato dice «non ho potuto terminare la visione, ma è un quadro reale della Slovacchia di oggi!». E Testy0123456789: «vedo che lo Stato è da tempo divenuto ridicolo».

Giudicate da voi se era il caso. Qui l’articolo e il video.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.