Viaggiare lenti: diario in bici Trieste-Cracovia – Parte 2, Logatec

di Diego Manna

Logatec, again. La prima tapa dei ultimi do viagi xe la stessa. In efeti, se te tiri una strica de Trieste a Budapest e una de Trieste a Cracovia te capissi che tanto val passar per de là. Quindi desso fazo copia e incola del’articolo del’ano scorso e me la sugo facile. Volendo, xe la stessa strada anche del primo viagio, quel che ne ga portà a Berlino (la gavemo ciapada larga per evitar i monti…furrrrrbi!).

Ma ala fine ogni percorso e ogni posto, per quanto possi esser sempre quel ai limiti del monotono, ciapa novi significati a seconda dela prospetiva con cui te lo vardi. Cussì, un’anonima cabina del bus a Sesana xe stada la nostra salveza al primo giro, co gavemo ciapà grandine e se semo riparai là. Al secondo giro xe stada la nostra atrazion e se semo fati le foto ricordando la grandine del primo giro. In sto giro invece no la gavemo gavuda gnanche pel fioco. Che insensibili ciò. E, oltre ale nove prospetive, se zonta el fato che go una memoria spaziale degna de un bacolo col’alzaimer, per cui per mi anche la centesima volta che son in un posto sarà quasi come la prima. “Uh, ara che figo!” “Ma Diego, no te se ricordi del’ano scorso?” “Mmmm…no”.

La partenza xe fissada ale 9 in Piaza Unità. Tuti presenti in orario, magari con qualche minuto de sbandamento causa fuso orario rionale. Fa piazer veder che xe un poche de persone che xe vegnude a saludarne (forsi a controlar che no se metemo a pedalar verso Barcola). Giusto el tempo dei ultimi abraci e se dirigemo verso Corso Italia.

Continua a leggere su bora.la.
Per chi volesse saperne di più vedere il primo nostro articolo sul passaggio a Bratislava dei sette triestini doc.

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google