Bruxelles: noi non c’entriamo, solo la Grecia può esonerare la Bubenikova

Bruxelles si sta tirando fuori dal “caso Bubenikova”, dichiarando di non avere il potere di licenziare Anna Bubenikova dal consiglio di esperti che sta aiutando il governo greco nel processo di privatizzazione delle proprietà statali. La Commissione Europea, infatti, sostiene che solo la Grecia può decidere se tenere la Bubenikova come advisor per altri cinque anni, scrive il quotidiano Hospodarske Noviny.

Il Ministero delle Finanze slovacco ha chiesto all’Eurogruppo di richiamare Anna Bubenikova dal posto per ragioni di «dubbio sull’aspetto etico della sua nomina, che provoca anche la sfiducia nei cittadini», come si legge in una nota del ministero.

Anna Bubenikova è uno dei principali attori di un dossier pubblicato a dicembre 2011 contenente presunte intercettazioni dei servizi segreti slovacchi (SIS) negli anni 2005/2006 (al tempo del secondo governo Dzurinda), che lasciano intuire una vasta complicità tra grandi aziende e politica per la privatizzazione di importanti società statali. Il caso, definito con il nome in codice Gorila dato all’operazione del SIS, ha suscitato forti reazioni nell’opinione pubblica, che ha partecipato a una serie di Gorila Protest organizzate nei primi mesi dell’anno, e ha portato al licenziamento della Bubenikova dal Fondo di proprietà nazionale (FNM) slovacco che dirigeva. Pochi mesi prima, il Ministro delle Finanze Ivan Miklos (SDKU) ha raccomandato il suo nome alla Commissione UE per il posto di advisor per la privatizzazione al governo greco. Il consiglio di esperti è composto da tre persone nominate da UE, BCE e FMI.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.