La Basilica di Sastin, primo santuario in Slovacchia, compie 250 anni

Domenica 12 agosto si terrà una Messa Pontificale alla Basilica nazionale di Sastin officiata da Stanislav Zvolensky, arcivescovo metropolita di Bratislava, in occasione del 250° anniversario della dedicazione della basilica (Basilica minor) alla Madonna dei Sette Dolori (Mater Dolorosa), comunemente detta da noi l’Addolorata. Già il giorno prima, sabato, inizierà nel pomeriggio un pellegrinaggio con una serie di avvenimenti, religiosi e non, inclusa la presentazione di un nuovo libro sulla basilica, uno dei maggiori santuari mariani in Slovacchia, ove si celebra ogni 15 settembre la Festa dell’Addolorata con migliaia di fedeli in pellegrinaggio da tutta la Slovacchia, oltre a una conferenza della prof.ssa Eva Fordinalova.

Domenica si terranno una serie di celebrazioni sacre, con il culmine nella Missa Pontificalis alle ore 10:30, ripresa in diretta dalla cattolica Tv LUX. Nel pomeriggio, alle 15:00, si terrà un concerto d’organo della concertista Eva Molekova, seguito da un concerto del gruppo gospel Kapucini & Stanley. La Messa pontificale è una messa solenne, generalmente cantata in tutta la sua interezza ed officiata da un vescovo o da un cardinale.

La grande chiesa barocca di Sastin è stata la prima ad ottenere il titolo di basilica delle nove esistenti in Slovacchia, “promozione” ottenuta da Papa Paolo VI. La sua origine risale al 1736, quando se ne iniziò la costruzione in località Sastin Straze, non lontano dal confine con la Repubblica Ceca, secondo un progetto del sacerdote paolino Matej Vepi, e fu completata nel 1744. Alla consacrazione dell’edificio religioso, affiancato da un monastero, erano presenti anche Maria Teresa d’Austria e l’imperatore Francesco I di Lotaringia.

La statua della Vergine Maria dei Sette Dolori, figura di “pietà” lignea di ignoto autore danubiano, documentata dal 1564, che ottenne il permesso al culto dall’Arcivescovo Esterhazy nel 1732, venne apposta sull’altare maggiore in marmo rosso della nuova chiesa, che ha una lunghezza totale di 62 metri, un’altezza di 26 e una larghezza di 23. Papa Giovanni Paolo II visitò la basilica, e vi tenne una Messa, nel corso della sua visita apostolica in Slovacchia del 1995. Oggi il complesso è gestito dall’Ordine di Francesco di Sales.

La basilica è il primo santuario religioso del Paese, ed è visitata ogni anno da decine di migliaia di persone, in particolare in occasione della Festa della Madonna Addolorata, che si celebra il 15 settembre, data della proclamazione della Vergine Maria quale Patrona della Slovacchia, espressa dalla Santa Sede nel 1927 e celebrata dai cattolici slovacchi a partire dal 1966. È Festa nazionale dal 1994.

Nota: i sette dolori sono: la profezia di Simeone che una spada di dolore avrebbe trafitto il cuore di Maria (Lc 2:25-38); la fuga in Egitto di Maria e Giuseppe con Gesù per evitare le intenzioni omicide di re Erode (Mt 2:13-18): la ricerca di Gesù da parte dei genitori a Gerusalemme (Lc 2:41-52); l’incontro di Maria con Gesù verso il Golgota; e l’essere stata testimone della sua crocifissione (Gv 19:16-30); il corpo di Gesù messo tra le braccia di sua madre (raffigurato dalla statua); e la sepoltura di suo figlio (Lc 23:50-55).

(Pierluigi Solieri)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google