Parlamento: tassa società regolamentate anche per gli stranieri con attività in Slovacchia

In base a un emendamento approvato dalla Commissione Finanze e poi dal Parlamento all’imposta straordinaria sulle società regolamentate, anche le società straniere che operano in Slovacchia, anche se non vi hanno sede legale, dovrebbero contribuire agli sforzi di consolidamento delle finanze pubbliche. La compagnia aerea irlandese Ryanair, per esempio, che dall’aeroporto di Bratislava vola su decine di destinazioni, si troverebbe a pagare allo Stato circa 24,7 milioni di euro all’anno. E la società ferroviaria di trasporto merci ceca Cargo contribuirebbe con circa 100.000 euro. Nel complesso, il partito Smer, secondo un articolo odierno del quotidiano Sme, si aspetta da questa operazione entrate supplementari per circa 200 milioni di euro nel giro di 16 mesi.

Il prelievo straordinario dovrebbe dunque essere pagato anche dagli imprenditori che hanno ottenuto una licenza da parte di un’autorità di regolamentazione di un altro paese UE, se svolgono attività in Slovacchia. In origine, il contributo doveva essere applicato alle sole imprese registrate in Slovacchia, o che per lo meno hanno registrata in questo Paese una unità organizzativa.

(Red)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google