Un Weiss che va, uno che arriva. In Italia

Mentre Vladimir Weiss padre, ex commissario tecnico della nazionale slovacca che beffò l’Italia ai Mondiali del SudAfrica, lascia anche la guida della squadra di CorgonLiga (la serie A slovacca) dello Slovan Bratislava (quella che ha messo sotto la Roma, per intenderci), Vladimir Weiss figlio arriva in Italia, al Pescara, dopo una lunga trattativa con il Manchester City di Mancini, risolta grazie alla mediazione del procuratore Raiola. Vlado, il padre, 47 anni, un carattere non facile, ha annunciato le sue dimissioni domenica, dopo un pareggio in casa con il MSK Zilina nel terzo turno del campionato 2012/2013 della massima serie, dopo che lo scorso anno lo Slovan è riuscito a racimolare soltanto un terzo posto. A decretare comunque il suo licenziamento è sicuramente l’eliminazione del suo team nel secondo turno di Europa League, che porta la firma dell’ungherese Videoton (1:1 in casa e 0:0 fuori i due risultati). Ed ora si trova disoccupato.

Weiss junior, invece, attaccante 23enne, ha firmato un contratto triennale con il Pescara, entrando così nel campionato italiano, del quale è sempre stato un appassionato. Nonostante la giovane età, Vladimir ha già buona esperienza del calcio europeo, avendo esordito in Premier League con il Bolton a soli vent’anni, dopo essere stato pescato dagli scout del Manchester City mentre giocava all’Inter Bratislava. Prestato successivamente al Glasgow Rangers, dove lascia un ottimo ricordo, e alla squadra dell’Espanyol, sempre con risultati positivi, arriva ora nel Belpaese, dove trova altri suoi colleghi di nazionale come Marek Hamsik e Juraj Kucka, rispettivamente al Napoli e al Genoa.

(Red)

La fotografia viene da qui.

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google