Italia: Commissione Esteri, novità su ICE e ENIT nel decreto crescita

La Commissione Esteri del Senato italiano ha esaminato ed approvato ieri un parere favorevole sul decreto recante misure urgenti per la crescita del Paese, provvedimento, già licenziato dalla Camera dei Deputati, su cui l’assemblea di Palazzo Madama è chiamata ad esprimersi in questi giorni.

I contenuti del decreto sono stati illustrati dal relatore Giampaolo Bettamio (Pdl), che si è soffermato in particolare sugli articoli modificati alla Camera e riguardanti la razionalizzazione dell’organizzazione dell’ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiana, e dell’ENIT, l’Agenzia nazionale per il turismo all’estero. Modificata in particolare la composizione della “cabina di regia”, organo “cui viene demandata la formulazione delle linee guida e di indirizzo strategico in materia di commercio estero, anche per quanto riguarda la programmazione delle risorse dell’ICE – spiega Bettamio, segnalando inoltre il cambiamento di “alcuni profili delle disposizioni che disciplinano l’individuazione delle risorse umane, strumentali, finanziarie, e dei rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo al soppresso istituto, da trasferire all’Agenzia e al Ministero dello Sviluppo economico”. Ciò concerne, in particolare, un aumento del numero del contingente massimo di personale da trasferire dall’ex-ICE all’Agenzia che passa da 300 a 450 unità. Previsto anche che un dirigente del Ministero dello Sviluppo economico operi per lo svolgimento delle attività di ordinaria amministrazione, al fine di garantire la continuità dei rapporti che facevano capo all’ICE, mentre in concorso alla direzione dell’Enit si dispone anche la partecipazione in consiglio di amministrazione, a decorrere del primo rinnovo, di un rappresentante del MAE.

Viene inoltre incrementata del 10% la tariffa dei diritti consolari che rientrano nell’articolo recante l’incentivazione dei flussi imprenditoriali e turistici verso l’Italia e la promozione delle relazioni economiche in ambito internazionale, aumento i cui proventi verranno destinati ad a “interventi strutturali e informatici a beneficio degli uffici all’estero del Mae, e a potenziare i contingenti di impiegati temporanei degli uffici stessi”. In quest’ottica si dispone anche un incremento di 40 unità del contingente di personale destinato al funzionamento delle rappresentanze diplomatiche e degli uffici consolari italiani nella Repubblica popolare cinese. Alcune novità sono state introdotte anche nell’articolo per il sostegno all’internazionalizzazione delle imprese e ai consorzi per l’internazionalizzazione e nelle disposizioni relative ad Expo 2015.

Mentre il presidente della Commissione, Lamberto Dini, esprime il suo auspicio per un recupero di efficienza ed attività di Ice ed ENIT, nel riassetto disposto dal provvedimento, Stefano Pedica (Idv) preannuncia il suo voto contrario poiché ritiene il testo in esame fortemente depotenziato rispetto all’impianto originario del provvedimento ed insufficienti le risorse impiegate. La Commissione infine approva il parere favorevole al provvedimento.

(Fonte Inform)

1 comment to Italia: Commissione Esteri, novità su ICE e ENIT nel decreto crescita

  • Come ci fa piacere che così tante brave persone, indenni o vergini da scandali e pastette siano state messe, più che elette, a dirigere due importanti Istituti Italiani-
    Evviva il rinnovamento!
    Che Dio ce la mandi buona e senza vento.
    Claudio Bertoncini

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google