L’Impero Romano in Slovacchia, una conferenza ha mostrato che l’argomento è sempre vivo

Nella cornice del Museo Archeologico in via Zizkova, sezione del Museo Nazionale Slovacco, si è tenuta giovedì una interessante conferenza dal titolo “Dotyky antického Ríma so Slovenskom”, ovvero “Contatti di Roma antica con la Slovacchia”, nella quale sono stati esposti i rapporti del territorio slovacco con l’Impero Romano, per il quale il Danubio rappresentava parte del confine nord-orientale, il cosiddetto Limes Romanus. Nell’incontro, preparato dall’archeologa Margareta Musilova nell’ambito dei Giorni dell’Amicizia Italo-Slovacca, ha visto come primo relatore Vladimír Turčan, che ha prestato la propria testimonianza su «La Colonna di Marco Aurelio e la pioggia miracolosa. Presentazione dei calchi di nuova acquisizione», che mostrano il famoso evento della Pioggia miracolosa che salva l’esercito romano accerchiato dai Quadi, mentre stava per morire di sete. Questo fatto probabilmente avvenne durante la guerra Marcomannica negli anni 166-180. I calchi sono ora visibili presso il Museo Archeologico.

La prof. Jaroslav Schmidtova del Museo Civico di Bratislava ha fatto una dissertazione su «Tutte le strade portano a Roma. La scoperta di una pietra miliare romana a Rusovce-Gerulata», ritrovata recentemente nel sito romano di Gerulata, fatto che documenta in modo certo che esisteva una strada romana tra Carnuntum (in Austria, poco oltre il confine) e Rusovce (Gerulata). Il sito di Rusovce-Gerulata è stato pochi mesi fa candidato per essere nominato parte del patrimonio  culturale mondiale UNESCO, e la città di Bratislava ha mostrato la volontà di investire per creare un vero museo dove possano essere esposti i molti reperti ritrovati in loco e che oggi non trovano spazio nell’angusta struttura esistente.

La dott.ssa Margaréta Musilová ha poi parlato dei “Monumenti romani sul Danubio centrale. Presentazione della pubblicazione con un accenno alle recenti scoperte di edifici celto-romani al Castello di Bratislava”. In questa occasione, la Musilová ha presentato il suo libro (scritto assieme a Turčan) sfociato da una ricerca sui resti romani di questa regione, i cui risultati costituiscono il nucleo del bel volume pieno di dati e immagini “Monumenti romani sul medio Danubio – Da Vindobona ad Acquincum”. Il libro è uscito per ora in versione slovacca, tedesca e inglese, con una possibile versione italiana più avanti. La Musilová ha poi presentato le architteture romane ritrovate – negli scavi fatti al Castello di Bratislava in occasione della corrente ricostruzione – in ambiente celtico che mostrano analogie in Italia dalla Sicilia fino all’Italia settentrionale – I secolo a.C.

Infine, la dott.ssa Valeria Poscetti (che ha studiato all’Universita La Sapienza di Roma e ora è all’Universita di Vienna) ha parlato de “La prospezione archeologica a Carnuntum: interpretazione archeologica dei dati georadar”, argomento tornato di grande interesse per il pubblico da quando lo scorso anno è stata rivelata la presenza, sotto i campi inesplorati a lato dei resti dell’anfiteatro romano di Carnuntum, di una scuola per gladiatori.

Nella fotografia in alto: modello di Gerulata, castrum romano nell’attuale Rusovce, alle porte di Bratislava. Nell’altra fotografia (© M.Musil), la dott.ssa Musilova nella sua relazione.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google