L’attuale forte richiesta di piccole auto aiuta la crescita della Slovacchia

Il settore auto della Slovacchia sta accelerando la marcia nonostante il momento incerto nella Zona Euro, scriveva la scorsa settimana Tatiana Bednarikova per l’agenzia di stampa AFP. Questo aumenta le possibilità della Slovacchia di una rinnovata crescita legata al mondo dell’automotive, comparto che già la rende il primo Paese al mondo per produzione pro-capite, e rinforza quella che si stima sarà anche quest’anno la migliore performance dell’economia di questo Paese nel gruppo di 17 nazioni dell’Eurozona.

Come piccolo esempio si può citare la francese PSA Peugeot Citroen che, mentre ha recentemente annunciato la chiusura di un impianto in madrepatria tagliando 8.000 posti di lavoro, ha assunto allo stesso tempo nella sua filiale slovacca 900 nuovi lavoratori. Le stime di produzione complessiva in Slovacchia da parte delle tre case automobilistiche presenti (PSA, Kia  e VW) dovrebbero salire a 780.000 veicoli quest’anno, oltre un quinto in più delle 639.763 sfornate nel 2011. Il settore dell’auto dà lavoro nel Paese a circa 72.000 persone e rappresenta il 39% del totale dell’output produttivo slovacco.

Dopo il 2009, l’anno più nero che ha visto il PIL andare sotto del 4,9%, gli stabilimenti automobilistici hanno strategicamente iniziato a porre maggiore attenzione alle piccole vetture per uso cittadino e famigliare, che hanno maggiore appeal in questi tempi di crisi. «Le auto più piccole ed economiche che sono prodotte in Slovacchia sono l’ideale per i tempi di crisi», conferma ad AFP l’analista Vladimir Balaz dell’Accademia Slovacca delle Scienze.

«Per fare automobili più economiche e ottenere un profitto, le case automobilistiche preferiscono i paesi con costi inferiori. La Slovacchia ha una forza lavoro relativamente poco costosa e qualificata ed è ben geograficamente posizionata in Europa centrale per esportare verso i mercati dell’Est europeo», osserva Vladimir Vano, analista di Volksbank.

«La forza della Slovacchia è che gli stabilimenti presenti qui sono tra i più moderni in tutto il mondo delle rispettive case automobilistiche», sottolinea Jozef Uhrik, capo dell’Associazione dell’industria automobilistica del Paese.

La francese PSA Peugeot Citroen ha lanciato recentemente la Citroen C3 e la nuova Peugeot 208 nella filiale slovacca di Trnava, in Slovacchia occidentale, che dà lavoro a 3.500 dipendenti e ha lanciato un terzo turno di lavoro all’inizio di quest’anno. La previsione della casa francese è di assemblare qui 300.000 nuove vetture nel 2013, dato in netto contrasto con i suoi tagli altrove in Europa.

Il gigante tedesco Volkswagen ha lanciato un investimento da 1,5 miliardi di euro in Slovacchia, aggiungendo 500 nuovi posti di lavoro agli oltre 8.400 già sulle linee di produzione. Le sue nuove produzioni di Volkswagen Up!, Skoda Citigo e Seat Mii realizzate a Bratislava, insieme ai SUV Touareg, Audi Q7 e Porsche Cayenne, dovrebbero globalmente portare a un’uscita totale di 400.000 vetture nei prossimi due anni.

Kia Motors, la società coreana che ha aperto nel 2006 uno stabilimento vicino a Zilina, nel nord-ovest della Slovacchia, produce qui Kia cee’d, Sportage e Venga, tutti modelli nuovi, che alzeranno la sua piena capacità produttiva a 300.000 vetture nel 2013.

Grazie anche allo slancio del comparto auto, per la Slovacchia si stima una crescita del PIL all’1,8% quest’anno, in controtendenza con gli altri paesi UE e dell’Eurozona (che in generale dovrebbe registrare una perdita di PIL dello 0,3%). Se oggi, tuttavia, a tirare è ancora la Germania, dove vanno la maggior parte delle esportazioni dell’automotive, un eventuale rallentamento teutonico avrebbe anche serie ripercussioni domani sulla Slovacchia, data la natura estremamente aperta e dipendente dal contesto economico regionale della sua economia. «Il venti per cento delle esportazioni slovacche vanno in Germania e in altri paesi della Zona Euro», ricorda Vladimir Vano. «Se la Germania dovesse mostrare una decelerazione, la Slovacchia la seguirebbe molto velocemente», avverte Vladimir Balaz.

(da un articolo di Tatiana Bednarikova per AFP)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google