Complicazioni per l’estradizione del latitante slovacco Mello dal Belize

Un ufficiale di polizia slovacco è partito ieri per il Belize, in America Centrale, per discutere con le autorità locali dell’estradizione del maggior ricercato slovacco, Karol Mello, accusato di almeno tre omicidi e fermato nel paese l’11 luglio. Al momento non è chiaro se e quando l’uomo sarà consegnato alle autorità slovacche.

Secondo il sito belizano 7newsbelize.com, ripreso dallo slovacco slovakspectator.sk, la Slovacchia avrebbe già pronto un jet in Guatemala, che sta solo aspettando di prendere in custodia Mello per riportarlo in Europa. Nessuna conferma, però, nemmeno ufficiosa, accompagna la speculazione. Lo stesso sito scrive che le autorità del paese sono silenziose sul caso, e il governo locale starebbe «cercando di ottenere nel modo più quieto possibile un decreto di espulsione per il ricercato slovacco, così da chiudere la storia al pià presto».

Un tribunale in Belize ha però bloccato ieri, martedì 17 luglio, l’estradizione del latitante in Slovacchia, secondo quanto scrive il canale televisivo locale Belize News5 sul suo sito citando Godfrey Smith, avvocato di Mello. Mello, comunque, non è stato rilasciato e resta in stato di detenzione nella capitale belizana Belmopan, scriveva questa mattina lo Slovak Spectator.

Smith sostiene che il suo cliente è stato arrestato illegalmente, considerando che il Belize non lo ha ancora formalmente accusato di alcun crimine. Secondo News5, Mello ha residenza permanente in Belize e vive lì con la moglie e due figli. Secondo Smith, Mello non è stato ufficialmente informato del motivo per cui è stato detenuto o perché la Slovacchia ha chiesto la sua estradizione.

Il Ministro degli Interni slovacco Robert Kalinak non ha voluto dire se gli sviluppi attuali del caso Mello violano o meno le regole internazionali in materia di immigrazione o di mandato di cattura in caso di omicidio. «Dobbiamo fare il possibile per portare quest’uomo, sospetto di diversi casi di omicidio, nelle mani della giustizia in Slovacchia – questo è il compito della polizia, e questo è tutto», ha detto il ministro, come citato dall’agenzia di stampa Sita. La questione inizia ora «ad essere più complicata di quanto appariva a prima vista», ha aggiunto Kalinak, speculando che si tratta solo dell’enorme distanza tra i due paesi, scrive lo Slovak Spectator.

Mello è stato arrestato la settimana scorsa sull’isola di San Pedro in Belize durante un’operazione riservata (nome in codice Infrared), organizzata dall’Interpol e dalla polizia slovacca. Era stato riferito essere in Belize già da diversi mesi. Mello è da molti anni in fuga, dopo l’accusa di essere dietro a un duplice omicidio nei pressi di Bratislava nel 2004. Era stato fermato in Polonia nel 2010 ed estradato in Slovacchia, ma è poi stato rilasciato dai giudici slovacchi nel 2011 per errori procedurali. Subito si dette di nuovo alla macchia all’estero.

(Fonte Slovak Spectator)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google