Camionisti ancora senza i segnali stradali a trenta mesi dall’avvio del telepedaggio

Il sistema di telepedaggio stradale è stato introdotto oltre due anni fa, ma i segnali stradali che indicano l’inizio e la fine dei tratti di strada a pedaggio non è ancora iniziata, e lo stesso Ministero dei Trasporti, ora guidato da un Ministro del partito Smer-SD (Jan Pociatek) come al tempo del lancio del sistema, non crede che sia in vista tanto presto. Al momento, tali segnali esistono solo su alcune autostrade e superstrade, e sui valichi di frontiera, mentre sono quasi del tutto assenti sulle strade di prima categoria.

Ci sono 1.100 tratti a pedaggio, per cui sarebbero necessari almeno 4.400 segnali stradali, ha detto il portavoce del ministero, Martin Kona. Per questi segnali la Società delle Autostrade Nazionali (NDS) dovrebbe sostenere costi per 570 mila euro in totale, ha detto, «il che è irrealistico nella situazione economica attuale». Inoltre, secondo lui, troppi segnali stradali servirebbero soltanto a confondere comunque i conducenti.

Il Ministro dei Trasporti del primo governo Fico (2006-2010), Lubomir Vazny, aveva promesso di erigere la segnaletica quando il telepedaggio stradale per i camion fu introdotto all’inizio del 2010. La questione era poi finita sul tavolo del suo successore Jan Figel (KDH). Al terzo Ministro dei Trasporti in meno di tre anni i conducenti di mezzi pesanti stanno ancora lamentando il fatto che, senza la segnaletica prevista per legge, non sono in grado di capire quando entrano o escono da un tratto di strada a pedaggio.

(Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google