Le aziende non si appellano alle indagini fiscali e si fidano degli ispettori

Una buona maggioranza (il 77 per cento) delle imprese di grandi dimensioni in Slovacchia non ricorrono contro le decisioni degli ispettori fiscali, anche se hanno dubbi sul fatto che gli agenti del fisco applichino le imposte aggiuntive in modo corretto. Questo risulta da un sondaggio sulle ispezioni fiscali recentemente effettuato dalla società di consulenza Deloitte Slovensko.

«Anche se le relazioni tra le imprese e le autorità fiscali sono buone, quattro aziende su cinque che hanno dovuto pagare tasse addizionali non hanno utilizzato tutti gli strumenti correttivi a loro disposizione. Tuttavia, almeno la metà di coloro che hanno chiesto una correzione sono riusciti a ridurre, almeno in parte, le maggiorazioni imposte», ha dichiarato Miroslav Tain, uno dei manager di Deloitte Slovensko.

In totale le autorità fiscali hanno ingiunto imposte addizionali al 56 per cento dei soggetti imprenditoriali ispezionati. L’indagine ha inoltre dimostrato che la maggior parte delle aziende ispezionate era soddisfatta del procedimento degli ispettori, con oltre l‘80 per cento di loro che hanno affermato che gli ispettori hanno eseguito il loro lavoro in modo corretto e trasparente.

Deloitte Slovensko ha intervistato 100 aziende in tutta la Slovacchia, il 70 per cento delle quali facenti parte di gruppi multinazionali. Delle imprese che hanno aderito al sondaggio, l’85 per cento hanno segnalato un fatturato annuo superiore a 10 milioni di euro.

Lo stesso sondaggio ha anche evidenziato che a dispetto di un calo costante – di anno in anno – del numero di controlli fiscali, l’importo delle tasse recuperate negli anni passati è risultato in aumento. Secondo l’indagine più di 70 aziende (sempre sulle 100 coinvolte) hanno avuto nessuna, o al massimo una ispezione negli ultimi cinque anni.

Le cifre della Direzione Tasse indicano che il gettito da controlli fiscali è in aumento dal 2007, nonostante un calo del 20 per cento nel numero dei controlli effettuati. Un ispettore fiscale ha  imposto in media tasse addizionali per 265 000 euro nel 2009, contro 105 000 euro nel 2004. Nel frattempo la media di imposte recuperate per ispezioni l’anno scorso è stata di 22 000 euro, in forte aumento dagli 8 000 euro del 2004.

(Fonte Deloitte)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google