Gasparovic firma modifica legislativa per le proposte di prezzo delle partecipate dello Stato

Sarà di nuovo l’Assemblea generale delle società a partecipazione statale, piuttosto che il Consiglio di Amministrazione, che deciderà in merito alle proposte di aumento dei prezzi regolamentati, secondo le modifiche attuate al codice del commercio e alla legge sulla regolamentazione delle industrie di rete firmata dal Presidente Gasparovic lunedì. Secondo gli emendamenti passati, le modifiche intendono mettere gli azionisti e lo Stato in condizioni di parità.

L’adeguamento della legislazione fa seguito alle critiche che da tempo il governo di Robert Fico (Smer-SD) promuove contro gli azionisti stranieri di minoranza dell’utility del gas slovacca Slovensky Plynarensky Priemysel (SPP). Fino ad oggi, infatti, era il CdA della società, controllato dal consorzio privato composto da E.ON Ruhrgas e Gaz del France (che possiede il 49%), a decidere le proposte di prezzo per il gas, trovandosi spesso in contrasto con l’autority governativa URSO che regolamenta il settore e che bocciando gli aumenti ha accumulato una serie di cause civili intentate dal management di SPP che afferma di subire perdite dal settore gas domestico.

Da oggi questa situazione si dovrebbe ribaltare, e a decidere sulle richieste di aumento sarà l’Assemblea di SPP, controllata dallo Stato con il 51%.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.