Jahnatek, Caplovic e Freso contro cibo spazzatura in scuole e ospedali

Il Ministro dell’Agricoltura Lubomir Jahnatek (Smer-SD) ha ammesso che le mense scolastiche non sempre offrono cibi freschi e di buona qualità. Per arginare questo fenomeno ha indicato l’intenzione di modificare la legge sugli appalti pubblici. L’unico criterio di gara valido al momento per le forniture di alimentari alle mense scolastiche e alle strutture ospedaliere è il prezzo più basso, scrive oggi il giornale Sme. Ma sia le scuole che gli ospedali si sono lamentati dello stato attuale delle cose. Le scuole possono acquistare cibi senza gara pubblica solo quando il costo della fornitura è inferiore a 10.000 euro.

La proposta di Jahnatek, sostenuta anche dal Ministro dell’Istruzione Dusan Caplovic (Smer) e dal Presidente della Regione di Bratislava Pavol Freso (SDKU-DS), trova preoccupato il capo di Transparency International Slovensko, Gabriel Sipos, il quale ritiene che una modifica della legge potrebbe portare a pratiche dubbie, dato che nel settore girano grandi quantità di denaro. Le stime parlano, solo per le scuole pubbliche, di una spesa intorno ai 300mila euro al giorno. Secondo Sipos si potrebbe aumentare il limite massimo di ordine per non intentare una gara pubblica, dando alle scuole maggiori responsabilità e autonomia. 10mila euro, dice, è forse l’importo più basso di tutta l’Unione Europea. Se la Polonia ha questo limite a 14mila euro, e l’Ungheria a 25mila, la Repubblica Ceca lascia scegliere il fornitore senza obbligo di appalto addirittura fino a 40mila euro.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.