Il Vaticano esonera l’Arcivescovo di Trnava Robert Bezak. Lui: non so perché

Papa Benedetto XVI ha licenziato l’Arcivescovo di Trnava Robert Bezak con effetto dal mezzogiorno di oggi lunedì 2 luglio. La notizia è stata annunciata dallo stesso vescovo ieri ai suoi fedeli attoniti durante la messa domenicale alla Cattedrale di San Giovanni Battista a Trnava, leggendo la lettera ricevuta dal Nunzio Mons. Mario Giordana, rappresentante della Santa Sede in Slovacchia . Egli ha anche letto una precedente lettera in cui il Nunzio apostolico (l’Ambasciatore del Vaticano) gli aveva chiesto di dimettersi dal suo incarico.

Da oggi sarà l’attuale vicario generale e vescovo ausiliare di Trnava, Jan Orosch, che assumerà la carica di amministratore ad interim della diocesi. Bezak è ufficialmente rimosso dal suo incarico dalle 12:00 di oggi, ovvero al momento della pubblicazione del bando su L’Osservatore Romano, il quotidiano ufficiale del Vaticano.

Il sito web del Vaticano riferisce che era stato chiesto a Bezak di dimettersi, ma dopo il suo rifiuto la Santa Sede ha deciso di intervenire direttamente. Durante la Messa di ieri Bezak ha detto che sono state sollevate alcune accuse contro di lui e la sua gestione della diocesi, ma il Vaticano, che definirebbe le accuse “gravi”, non li vuole rivelare nonostante la sua richiesta, e gli ha chiesto di non parlare con i media. «Devo astenermi da dichiarazioni ai mass media, ma voi non siete mass media, voi siete i miei fedeli», ha detto fedeli secondo Sme, durante la messa. Secondo il quotidiano, Bezak avrebbe consacrato alcuni sacerdoti nonostante la disapprovazione di altri vescovi slovacchi. Secondo lo stesso Bezak, una ragione potrebbe essere data dalle sue critiche all’ex Vescovo Sokol, scrive sempre Sme.

Bezak, 52 anni, aveva sostituito a Trnava il controverso ex arcivescovo Jan Sokol tre anni fa, un passo accolto con ampio favore date le ripetute lodi di Sokol a favore del Presidente Jozef Tiso, prete cattolico che guidò la Slovacchia durante la seconda guerra mondiale, periodo in cui furono espulsi dal Paese decine di migliaia di ebrei che finirono nei campi di sterminio nazisti. Una volta nominato, Bezak conquistò il rispetto popolare dicendo che Tiso avrebbe fatto meglio a rassegnare le dimissioni non appena il primo trasporto con ebrei lasciò il paese.

La scorsa settimana diversi personaggi noti, cattolici e non, avevano sottoscritto una lettera aperta a sostegno di Bezak, dopo che l’ex deputato Frantisek Miklosko (Democratici-conservatori della Slovacchia / KDS) ha rivelato in pubblico che Bezak sarebbe stato destituito. Bezak avrebbe perso il sostegno dei cattolici tradizionalisti, che lo descrivono come il vescovo più modernista del Paese.

Sostenitori di Mons. Bezak hanno lanciato una petizione su internet in cui chiedono che la Conferenza episcopale slovacca (KBS) e il Nunzio spieghino perché Bezak è stato dimesso. «Questa è una procedura anomala, che crea spazio per varie congetture», recita il testo della petizione, «e non getta buona luce sull’istituzione della Chiesa», dividendo i credenti e la società.

(La Redazione)

1 comment to Il Vaticano esonera l’Arcivescovo di Trnava Robert Bezak. Lui: non so perché

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google