Le donne subiscono di più le difficoltà della crisi sul posto di lavoro

La situazione di crisi economica perdurante ha incoraggiato i datori di lavoro slovacchi ad applicare pratiche discriminatorie nei confronti dei dipendenti, soprattutto donne, scriveva qualche giorno fa il quotidiano Pravda riferendo del rapporto sulla parità di genere nel 2011 in Slovacchia presentato dal Ministero del Lavoro. Le donne sono infatti più disposte a lavorare in condizioni incerte, a salari più bassi e senza assicurazione sociale, rispetto ai loro colleghi maschi. La pressione imposta dalla necessità di provvedere alla famiglia spesso fa loro accettare lavori che sono al di sotto del loro livello di istruzione e qualificazione.

Considerando la significativa disparità di distribuzione del lavoro non retribuito come la cura dei bambini, ha detto al quotidiano l’analista di questioni sociali Barbora Holubova dell’Istituto per il lavoro e la famiglia, «si presume che sarà più difficile per le donne trovare un lavoro fisso e ben retribuito rispetto agli uomini».

La Holubova fa un esempio pratico: se un’amministrazione locale decide di chiudere una scuola materna per scarsità di fondi, questa manovra avrà certamente un’influenza molto più incisiva sull’occupazione delle madri nel comune rispetto a quella dei padri. E lo stesso vale per l’assistenza agli anziani; se una famiglia non può permettersi di pagare l’assistenza pubblica o privata per un parente anziano sarà di nuovo la donna a rinunciare al lavoro per restare per curarlo.

(Fonte Pravda)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google