Le eccellenze del Friuli hanno accompagnato il brillante concerto di Dorigo-Comisso

Al bel concerto Cento donne e una voce, eseguito dalla coppia friulana composta dal soprano Sonia Dorigo e dal brillante pianista Angelo Comisso (che ha mostrato le sue doti di forte impostazione jazz con un tocco intensamente contemporaneo), ha partecipato lunedì un folto pubblico che si è svelato essere colto e attento come non spesso accade.

“Canzoni” immortali quali The man I love, Solamente una vez, La vie en rose hanno tenuto i presenti in un’atmosfera sospesa di delizia e attesa, lasciando che un manto di puro Novecento si posi su persone e cose colmando ogni interstizio della bella e ricca Sala degli Specchi del Palazzo Primaziale.

Una struggente Lili Marlen, in anni più tardi cavallo di battaglia storico di Marlene Dietrich e – in Gran Bretagna – di vera Lynn, ha creato una fortissima tensione con le sue parole dolci di rievocazione e rimpianto di un amore, in netto contrasto alla musica che Comisso ha reso una congerie di suoni discordanti, stridenti, un clangore di guerra reso ancor più evocativo dall’uso del megafono da parte della Dorigo. Composta poco prima della seconda guerra mondiale, Lili Marlene divenne presto un motivo simbolo per tutti i soldati del mondo, che condividevano le stesse paure e lo stesso destino, consacrando quel tema universale del soldato che pensa al suo amore. (Per l’interessante storia di Lili Marlene, vedere a questo link).

Gli spettatori sono poi stati invitati a una degustazione di prodotti tipici furlani, a cominciare dal prosciutto di San Daniele e dai vini, offerti da alcune aziende produttrici. Il concerto si è tenuto grazie a un insieme di istituzioni friulane che sono intervenute su sollecitazione dell’Istituto Italiano di Cultura e del Fogolar Furlan di Bratislava per la serata parte del festival italiano in Slovacchia Dolce Vitaj. Tra i sostenitori dell’evento vi erano la Regione FVG rappresentata da Bruna Zuccolin, coordinatore dei corregionali all’estero, l’Ente Friuli nel Mondo per il quale erano presenti il presidente Pietro Pittaro e il funzionario Christian Canciani.

A coordinare l’evento e organizzato la degustazione il Fogolar Furlan, con il presidente Mirco Ribis e il vice Bruno Mrak, che hanno ottenuto l’adesione dell’ente Eraple con il suo direttore Cesare Costantini, l’Unione Emigranti Sloveni e altre organizzazioni. Hanno partecipato alla serata anche il nuovo Ambasciatore d’Italia in Slovacchia Roberto Martini e il direttore dell’IIC Teresa Triscari.

Crediti fotografie: prima e ultima © Istituto Italiano di Cultura, le altre © Bruno Mrak

(Red)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google