Il Consiglio dei Ministri ferma la privatizzazione delle imprese di Stato

L’esecutivo del Premier Robert Fico ha stoppato il processo di privatizzazione delle aziende di riscaldamento centralizzato, e con loro anche le quote statali in altre imprese che il governo precedente aveva pianificato di cedere. Realizzando uno dei punti del programma, «il governo si propone di interrompere il processo di privatizzazione in corso», fermando il percorso già avviato «che avrebbe dovuto portare al trasferimento delle partecipazioni dell’agenzia di privatizzazione del governo, il Fondo di Proprietà Nazionale (FNM)», in alcune società strategiche a partecipazione statale, si legge in una proposta del Ministero dell’Economia approvata dal Consiglio dei Ministri ieri, 20 giugno.

Il precedente governo aveva previsto la vendita ai privati di sei società di riscaldamento (a Bratislava, Trnava, Zilina, Martin, Zvolen e Kosice) e di vendere le quote di minoranza in una serie di operatori locali del servizio di trasporto con autobus. Il governo di centro-destra aveva assegnato alla vendita le quote dello Stato in Slovak Telekom, Borsa di Bratislava e nel gruppo DMD, le Terme di Sliac e Bardejov e il Policlinico Tehelna.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.