Poliziotto stermina una famiglia rom nel suo tempo libero

Un agente di polizia municipale slovacco ha ucciso tre persone e ne ha ferite altre due nella città di Hurbanovo, nel sud della Slovacchia. Il fatto è successo sabato mattina 16 giugno poco dopo le 10:00, mentre era fuori servizio. L’uomo, 51 anni, è stato arrestato. Ma prima aveva «puntato la pistola contro se stesso, e si è arreso soltanto dopo due ore di trattative». Il Ministro degli Interni Robert Kalinak ha detto ai giornalisti che il poliziotto conosceva le sue vittime.

L’agente, identificato solo come Milan J., proveniente dal villaggio di Svätý Peter, ha guidato la sua auto fin davanti alla casa di via Komárňanska 5 a Hurbanovo, che è occupata da una famiglia rom, è sceso dall’autovettura e ha iniziato a sparare con una pistola per la quale non aveva la licenza. Avrebbe ucciso un uomo di 44 anni, suo figlio di 19 anni e il genero di 24. La quarta vittima dei colpi è stato il secondo figlio del capofamiglia, che è stato ferito al petto, e la moglie del figlio è stata colpita a una gamba. Entrambi i feriti sono in ospedale e hanno subito operazioni urgenti, e la condizione dell’uomo viene segnalato come grave anche se stabilizzato.

La polizia avrebbe trovato l’aggressore circa un’ora dopo nei pressi della casa del sindaco di Hurbanovo, Margita Zemková, dove secondo alcuni media il poliziotto si era recato per informare il sindaco di quanto avvenuto, ma lei non era in casa al momento. All’arrivo dei colleghi, l’uomo ha minacciato di suicidarsi, ma dopo due ore di negoziati ha rinunciato e si è consegnato volontariamente alla polizia che lo ha arrestato.

Il Ministero dell’Interno ha informato che l’agente ha lavorato come poliziotto per 20 anni e risulta esserci nessuna lamentela sul suo comportamento in servizio. E del resto né i suoi colleghi né il sindaco avevano notato alcun comportamento strano o inusuale. L’uomo è sposato e ha due figlie. Anche suoi vicini di casa sono stati presi alla sprovvista dal fatto, rilevando che l’uomo non è mai stato aggressivo in passato. Ora hanno detto di avere paura che la strage causerà disordini e una potenziale vendetta da parte dei rom.

Secondo quanto riferito dal Ministro degli Interni Robert Kalinak sul posto sabato pomeriggio, Milan J. conosceva i residenti di quella strada, dove due famiglie rom vivono in case vicine. Kalinak ha detto che l’agente aveva visitato le case durante operazioni di polizia. Quattro delle cinque vittime della sparatoria avrebbero avuto precedenti penali e sul quotidiano Sme si legge che la polizia municipale aveva da poco arrestato qualcuno a quell’indirizzo per una rapina.

La polizia ha aperto un’inchiesta per chiarire i motivi scatenanti di questa follia, ma per il momento escluderebbe il movente razziale, perché sia Milan J. che le vittime sono tutti di nazionalità ungherese, scrive Sme, aggiungendo che i vicini hanno lasciato intendere che dietro l’atto ci sia qualche traffico equivoco. Del resto, se la motivazione fosse stata razziale l’uomo avrebbe probabilmente cercato di uccidere più persone, ha scritto oggi Sme con un pizzico di cinismo. La polizia ha informato dopo l’arresto che l’aggressore non era sotto l’influenza di alcool o altre droghe e che durante l’udienza preliminare avrebbe avuto qualche perdita di memoria.

Il delegato governativo per le comunità rom, Miroslav Pollak, ha detto che l’atto è «ingiustificabile e incomprensibile». Ha chiesto ai media di informare della tragedia con sensibilità evitando resoconti falsati e non corretti, che possono soltanto far peggiorare la situazione tra i residenti rom e non rom della zona.

«La maggior parte delle reazioni e l’atteggiamento degli abitanti della maggioranza dei cittadini sulla tragedia di Hurbanovo ha dimostrato che i rom sono visti negativamente. Il rinvio della soluzione dei problemi delle comunità rom può portare a un altro peggioramento delle relazioni e a una escalation nei rapporti tra i residenti delle comunità rom e il resto degli abitanti», ha detto Pollak.

(Fonti varie, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google