Corte UE diritti dell’uomo conferma condanna Slovacchia per sterilizzazione illegale di donna rom

La Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo (ECHR) ha confermato l’illegalità della sterilizzazione di una donna rom in Slovacchia, condannando lo Stato a pagare un risarcimento per danni morali di 25.000 euro, oltre a un indennizzo di 5.000 euro per le spese di giudizio nel corso delle procedure presso i tribunali slovacchi.

La donna di etnia rom, al tempo dei fatti minorenne (17enne), fu sterilizzata in un ospedale a Gelnica nel 2001, dopo aver dato alla luce il suo secondo figlio, senza il consenso dei suoi genitori. Si tratta del secondo caso in cui la Corte di Strasburgo ha riconosciuto una tale violazione dei diritti in Slovacchia. Vanda Drubakova, del Centro di consulenza di Kosice per i diritti civili e umani, dice che sembra che il governo preferisca rischiare un’umiliazione internazionale ogni sette mesi, piuttosto che risolvere la questione una volta per tutte, secondo quanto scrive il quotidiano Sme. E ha aggiunto che «questo caso rappresenta un altro significativo sviluppo nel nostro sforzo di assicurare un risarcimento alle donne rom sterilizzate in Slovacchia contro la loro volontà».

La Corte europea non ha comunque confermato il fatto che l’atto sia avvenuto come parte di una politica del Paese. «I medici dell’ospedale di Gelnica […] non hanno agito con malizia, le loro azioni non erano a sfondo razziale e la sterilizzazione non faceva parte di una qualunque politica organizzata», si legge nel verdetto.

(Fonte Sme)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google