UPN rilascia i nomi di agenti segreti comunisti della Slovacchia orientale

L’Istituto per la memoria della Nazione (UPN) ha annunciato giovedì di aver pubblicato i nomi dei funzionari e agenti dei servizi segreti comunisti (StB) attivi nella Slovacchia orientale tra il 1966 e il 1989. I servizi in quella parte del Paese sono noti per essere stati un bastione di comunisti irriducibili dopo l’invasione del Patto di Varsavia del 1968, a seguito della stagione di liberalizzazioni della Primavera di Praga.

I funzionari dell’unità operativa StB di Kosice, ha detto il direttore operativo Ivan Petransky, oltre a «combattere i nemici esterni ed interni» ha anche attivamente collaborato con il KGB sovietico fino alla caduta del regime. Il compito dei funzionari era di registrare, osservare o ascoltare gruppi di cittadini che il regime comunista considerava suoi nemici. Il che era vero in particolare per clero, artisti, scienziati, giornalisti e studenti universitari. Sul sito sono stati pubblicati in maniera organica 919 rapporti delle forze di sicurezza nazionale realizzati nella seconda città slovacca.

L’obiettivo dichiarato di lungo periodo dell’UPN è quello di pubblicare la composizione delle strutture del personale di tutte le unità territoriali della polizia segreta in Slovacchia, cosa che dovrebbe essere realizzata entro la fine del 2013, dando così la possibilità a coloro che sono stati perseguitati di conoscere il sistema e i nomi dei loro aguzzini.

(Fonte Tasr/Sme)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google