SaS: i candidati a Ministro fanno le loro prime dichiarazioni

A dispetto delle intenzioni della futura Premier Iveta Radicova (SDKU-DS), che voleva tenere il riserbo fino a domani (Venerdì), il partito SaS ha fatto già Martedì i nomi dei propri candidati ministeriali. I nomi dei membri Sas resi noti come probabili Ministri sono Juraj Miskov (Economia), Jozef Mihal (Lavoro, Affari sociali e Famiglia), Daniel Krajcer (Cultura) e Lubomir Galko (Difesa). Qui di seguito alcune loro dichiarazioni di intento fatte ieri.

Il candidato al Ministero dell’Economia Juraj Miskov vuole portare avanti riforme generali del contesto industriale in Slovacchia, ha detto lui stesso ieri. «Alzare il livello di libertà nel mondo degli affari e rimuovere le barriere per le imprese saranno le priorità del Ministero», ha detto Miskov, ex direttore generale dell‘agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi MUW in Slovacchia.

Miskov promette anche nuovi posti di lavoro: «La Slovacchia deve essere resa più attraente agli occhi degli investitori stranieri. Questo può aiutarci a creare più posti di lavoro», afferma, aggiungendo che anche le imprese partecipate dallo Stato devranno essere rese più efficienti.

Una riforma del sistema di imposizione fiscale in Slovacchia sarà la principale priorità del partito Libertà e Solidarietà (SaS) ha detto Jozef Mihal, possibile futuro Ministro del Lavoro, Affari sociali e Famiglia. «La politica della famiglia e dei servizi sociali sono altri settori chiave nei quali sono stati compiuti gravi errori dal Ministro uscente (Viera Tomanova / Smer-SD) e devono essere corretti», ha detto Mihal, canditato alla poltrona da SaS.

Mihal crede che il tasso di disoccupazione possa essere ridotto modificando la legislazione sul lavoro. «Cioè il codice del lavoro e la legge sui servizi per l’occupazione», ha specificato. E secondo Mihal è necessario tappare i “buchi” nel sistema di prelievo attuale, attraverso il quale si stanno perdendo troppi soldi, oltre a fare altre modifiche che non ha specificato. Per quanto riguarda le voci sulla modifica della percentuale dei contributi per il secondo pilastro di capitalizzazione pensionistico «queste sono questioni che devono essere prima discusse all’interno della coalizione», ha accennato.

Il secondo pilastro – introdotto nel gennaio 2006 da una coalizione non dissimile al Governo entrante – sarà probabilmente oggetto di modifiche, ha detto Mihal: « È necessario cancellare le sciocchezze apportate dal Governo di Robert Fico». Il nuovo Governo rivedrà il progetto delle imprese sociali introdotte dal Ministro Tomanova. «Penso che non assolvono al loro scopo e sono solo un modo di dragare fondi statali e comunitari», ha aggiunto.

Il Ministro della Difesa in pectore Lubomir Galko, ha svelato le sue priorità se sarà nominato, avvertendo che assicurerà una maggiore efficienza nelle procedure degli appalti pubblici relativi agli acquisti militari per renderle più trasparenti.

«Non voglio comprare beni guasti o inutilizzabili a prezzi proibitivi», ha detto Galko, aggiungendo che avrebbe esaminato i contratti stipulati dal Ministro precedente e riconsiderato quelli sfavorevoli.
Data la difficile situazione economica del paese, il settore della difesa dovrà ricorrere a dei tagli già previsti. «Questo, tuttavia, non minaccerà l’adempimento dei nostri impegni internazionali provenienti da accordi UE e NATO», ha detto Galko.

(Fonte TASR)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google