Nella coalizione di centro-destra anche qualche mugugno, non soltanto sorrisi

Anche se i Cristiano Democratici di KDH hanno fatto un passo indietro e il nuovo Governo è stato più o meno stato formato, dice il quotidiano Pravda di oggi, i rappresentanti dei quattro partiti di centro-destra coinvolti (SDKU-DS, SaS, KDH e Most-Hid) sembrano avere idee diverse su cosa gli accordi raggiunti finora effettivamente significhino.

Il giornale dà conto di qualche malumore all’interno della coalizione, insomma non sono solo sorrisi e strette di mano. Il presidente di KDH Jan Figel, per esempio, è convinto che il coordinamento degli Eurofondi,  vitali per l’economia slovacca, debbano entrare nella sfera di competenza del Ministero dei Trasporti, che è stato assegnato al suo partito. Il Premier designato Iveta Radicova (SDKU) ha detto però che questo settore debba essere controllato dall’Ufficio del Governo, come del resto già precedentemente stabilito dal Gabinetto uscente.

La Radicova è rimasta anche piuttosto seccata quando il parito di Sulik (SaS) ha rivelato ieri i nomi swi suoi quattro ministri, nonostante il fatto che le nomine sarebbero dovute essere annunciate soltanto questo Venerdì (dopodomani).

La più grande delle controversie durante la formazione del nuovo governo è emersa tra KDH e SaS, che hanno combattuto per gli incarichi di Ministro dell’Economia e Presidente del Parlamento. Alla fine SaS li ha avuti entrambi, anche se alcune competenze del Ministero dell’Economia saranno trasferite al Ministero dei Trasporti, che andrà a KDH. Figel sostiene che entrambi i partiti hanno vinto, ma alcuni membri del partito sono delusi dei risultati dei colloqui. «SDKU e SaS si sono accordati sulle e semplicemente hanno offerto ai loro partner di coalizione quello che era rimasto», ha detto la vicepresidente KDH Maria Sabolova.

(Fonte Pravda)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.