Banche e imprese regolamentate chiamate a chiudere i buchi del bilancio dello Stato

Nel tentativo di tappare più buchi possibili nel bilancio dello Stato, quest’anno e il prossimo le banche e le imprese regolamentate saranno chiamate a sostenere le entrate statali attraverso un prelievo straordinario che potrebbe arrivare a valere 325 milioni in totale, secondo quanto detto ieri dal Premier Robert Fico (Smer-SD).

I rappresentanti del Consiglio per la Solidarietà e lo Sviluppo – i rappresentanti tradizionali del Tripartito (governo, sindacati e datori di lavoro) uniti ad autorità locali, lavoratori autonomi, università, pensionati e chiese – hanno espresso la loro approvazione alla proposta del governo.

«C’è un accordo riguardo ad una proposta per ottenere 25 milioni di euro mediante un prelievo sulle banche entro il 2012 e altri 100 milioni nel 2013, che vanno oltre la normativa attualmente in vigore», ha annunciato Fico nella conferenza stampa seguente alla seduta del nuovo consiglio.

Le banche dovrebbero anche contribuire con un altro prelievo speciale quest’anno del valore di 50 milioni, soldi che dovrebbero essere accumulati in un fondo speciale a sostegno delle iniziative volte a favorire la crescita economica. La proposta dovrebbe arrivare in Parlamento nel mese di giugno.

Altri 100 milioni di euro dovrebbero pervenire al fondo nel 2012-13 dalle società che hanno attività regolamentate, una cosa «dal carattere del tutto temporaneo», ha detto Fico, aggiungendo che nessuna delle misure sarà retroattiva.

(Fonte Tasr)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.