La fiducia nell’economia in Slovacchia è cresciuta a Giugno dopo un calo a Maggio

L’indice di fiducia dei consumatori e delle imprese ha continuato a crescere nel mese di Giugno 2010per il tredicesimo mese consecutivo dopo aver toccato il fondo nel Maggio dello scorso anno, ed è ora al suo livello più alto dall’Ottobre del 2008. La fiducia nell’economia slovacca è cresciuta nel mese di Giugno, con l’Index of Economic Sentiment (IES) aumentato di 0,6 punti percentuali sul mese precedente, e di 23,5 punti percentuali sul Giugno 2009 arrivando a 91,1 punti. È comunque ancora di 7,3 punti inferiore alla media a lungo termine, ha informato ieri l’Ufficio di Statistica (SU). L’aumento sarebbe stato influenzato principalmente dalle aspettative sulla disoccupazione, il risparmio e la situazione finanziaria delle famiglie. Questi tre elementi hanno avuto un effetto sull‘indicatore di fiducia dei consumatori, che è cresciuto di 3,2 punti percentuali nel mese di Giugno a -17,4 punti.

La fiducia nell’industria è cresciuta in Giugno, dopo due mesi di calo, di 4,6 punti percentuali a 3,3 punti, un livello lievemente superiore alla media a lungo termine. Questo sviluppo è stato influenzato soprattutto dalla previsione di crescita della produzione industriale e dalla crescente domanda di prodotti industriali. L’indicatore di fiducia del settore costruzioni ha visto un aumento di 3 punti percentuali su Maggio a -37,5 punti, ancora di 14,5 punti al di sotto della media di lungo tempo. Questo a causa della domanda crescente.

La fiducia nelle vendite al dettaglio è migliorata invece di 0,3 punti. Il suo attuale livello (-6,0) è stato influenzato da valutazioni più ottimistiche sullo sviluppo, attuale e in previsione, delle aziende del settore. Anche l’indicatore dei servizi è cresciuto, dopo due mesi di cali, di 10,7 punti percentuali a 23 punti.

Secondo gli analisti il trend dovrebbe continuare per i prossimi mesi. Il direttore della F.A. Hayek Foundation, Matus Posvanc, non vede questa tendenza fermarsi tanto presto, anche se i problemi attuali della zona euro potrebbe cambiare drasticamente la questione sul lungo termine. Secondo Posvanc, la coalizione di centro-destra potrebbe accrescere l’IES evitando di alzare le tasse per realizzare il consolidamento delle finanze pubbliche, tagliando piuttosto le spese elevate del settore pubblico e dei contributi sociali, e apportando modifiche al Codice del Lavoro.
L’analista Michal Musak di Slovenska Sporitelna (SLSP) è convinto che la fiducia delle imprese e dei consumatori aumenterà ulteriormente. «Questo non significa che la tendenza al rialzo sarà liscia e senza problemi. Per l’industria slovacca in particolare sarà essenziale l’evoluzione della zona euro», ha detto Musak. Un altro bell‘impulso di fiducia economica potrebbe provenire da un miglioramento del clima imprenditoriale, da un‘amministrazione semplificata, meno burocrazia e corruzione, e da un potere giudiziario aggiornato. «Maggiore ottimismo delle imprese significa maggiori investimenti per la Slovacchia», ha detto Musak.

(Fonte Ufficio di Statistica Slovacco)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google