ACTA fermato dal Garante europeo per la privacy

di Luca Colantuoni

Dopo mesi di discussioni, e di proteste da parte di gruppi organizzati o spontanei, l’accordo internazionale anti-contraffazione, noto come ACTA (Anti-Counterfeiting Trade Agreement), è stato praticamente bloccato dal Garante Europeo per la privacy (EDPS). In particolare, il trattato per la tutela dei diritti di proprietà intellettuale non rispetterebbe la privacy dei cittadini.

L’ACTA è un accordo sottoscritto da buona parte dei membri dell’Unione Europea e da altri paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone e Svizzera, con l’obiettivo di adottare misure comuni per proteggere le proprietà intellettuali, attraverso una cooperazione internazionale. Per poter entrare in vigore, il trattato deve essere approvato all’unanimità dalla Commissione Europea e ratificato dal Parlamento Europeo. Dopo la mancata firma di 5 paesi (Polonia, Cipro, Estonia, Olanda, Slovacchia e Germania), è arrivato ora il parere negativo dell’EDPS (European Data Protection Supervisor).

Il Garante Europeo per la privacy ritiene che l’eventuale introduzione dell’ACTA darebbe il via ad un monitoraggio di massa delle attività degli utenti su Internet, attività contraria ai diritti fondamentali dei cittadini, protetti dalla Convenzione dei diritti dell’uomo, dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e dalla direttiva sulla privacy.

La tutela delle proprietà intellettuali verrebbe messa in atto a spese della privacy dei cittadini e della loro libertà. L’ACTA, infatti, prevede l’identificazione delle persone sospettate di violare le proprietà intellettuali su Internet e ciò comporta l’obbligo per i service provider di fornire i dati personali degli utenti. Il Garante Europeo boccia quindi l’accordo, in quanto non garantisce la riservatezza delle comunicazioni elettroniche dei cittadini e soprattutto perché sembra attribuire ad un’autorità competente (non giudiziaria) il potere di richiedere agli ISP i nomi degli utenti sospettati di pirateria.

(Fonte www.Oneweb20.it)

Share

Commenta

  

  

  

Si possono usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

dicembre: 2014
L M M G V S D
« nov    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031