Governo: i fondi UE inutilizzati saranno spesi per creare posti di lavoro

La quota slovacca di eurofondi che il Paese non riuscirà a utilizzare per i progetti originari sarà indirizzata verso la creazione di nuovi posti di lavoro per i giovani disoccupati, ha detto ieri il Premier Robert Fico nel suo incontro con il Ministro dei Trasporti, Edilizia e Sviluppo regionale Jan Pociatek. Il suo Ministero è stato il principale centro di coordinamento per la distribuzione di fondi europei dal 2010, quando il precedente governo lo ha riorganizzato.

La Slovacchia è intitolata a ricevere 11,5 miliardi di euro di fondi UE per il periodo 2007-13, e può incassare il denaro fino al 2015, ma la quota prevista di risorse che a quella data la Slovacchia riuscirà a portare davvero a casa è di molto inferiore. L’Istituto di politica economica (IHP), branca di studi del Ministero delle Finanze ha spiegato in uno studio del febbraio scorso che all’attuale ritmo la Slovacchia riuscirà ad utilizzare solo il 75% dei fondi stanziati in questo periodo di programmazione, il che vorrebbe dire dover rinunciare a ben 3 miliardi nel 2015.

Il Premier ha detto ieri che il Ministero darà conto della quantità di denaro che realisticamente non è prevedibile essere utilizzata nel periodo di programmazione, e che può essere assegnata ad altri progetti … come per il sostegno dell’occupazione dei giovani disoccupati», ha sottolineato Fico.

Pociatek ha però contestato l’importo indicato sia dall’IHP che dai media recentemente. «La situazione è grave, ma non così disastrosa da farci avanzare 2,3 miliardi» inutilizzati, ha detto Pociatek.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.