Caplovic: lo status degli insegnanti va migliorato, come la qualità degli studi universitari

Lo status sociale degli insegnanti deve migliorare, ha detto il Ministro dell’Istruzione Dusan Caplovic nel corso della cerimonia per il suo insediamento ufficiale. Non è possibile che gli insegnanti abbiano solo responsabilità mentre studenti e genitori hanno solo diritti. Il nuovo Ministro si è detto pronto a migliorare lo status degli insegnanti con modifiche alla legislazione che regola il settore. «Ci stiamo già lavorando», per far sì che gli insegnanti siano apprezzati e rispettati, ha sottolineato Caplovic.

Il Primo Ministro Fico ha commentato la mancanza di rispetto che gli studenti hanno per gli insegnanti con il fatto che questo dipende dallo stato della società in generale, e ha dato parte della colpa ai media, che presentano come autorità del mondo in cui viviamo persone che non lo meritano. «Dal 1989 alleviamo i nostri figli in un modo che ha intaccato il loro rispetto per l’autorità», ha detto Fico. «L’intera società dovrebbero affrontare la questione dell’autorità», pensa il Premier, che allo stesso tempo ha bacchettato la classe degli insegnanti per aver avanzato rivendicazioni salariali, nel bel mezzo di un generale consolidamento delle finanze pubbliche. «Mi aspetto che tutti si rendano conto di quale sia la situazione in cui siamo», ha detto, commentando un avviso di sciopero lanciato dai lavoratori del settore scuola.

«Gli stipendi degli insegnanti non sono particolarmente buoni, ma anche le casse dello stato non sono in buone condizioni. È necessaria una discussione», ha aggiunto Caplovic, per dare soddisfazione alle richieste degli entro il 2014. Caplovic ha ricordato le sue ambizioni di migliorare la qualità dell’istruzione post-secondaria, introducendo nuove regole per un numero massimo di studenti in ogni campo di studio universitario. Numeri chiusi esistono per esempio per i medici in Francia o in Germania. E se funziona da loro, ha detto, «deve funzionare anche in Slovacchia». «Non è un segreto che la qualità dell’istruzione universitaria è crolalta negli anni scorsi», ha rincarato Fico, che sostiene il Ministro nel suo intento, invitandolo a riformare anche la scuola secondaria, aumentando il punteggio necessario per l’ammissione ai licei, garantendo migliori collegamenti tra scuole professionali e mercato del lavoro.

Riguardo al numero chiuso, però, non tutti sono d’accordo. Secondo un articolo del quotidiano Hospodarske Noviny nell’edizione odierna, Daniel Bohmer del Senato accademico della Facoltà di Medicina dell’Università Comenius, ritiene che il Paese manchi di circa 3.000 medici. Limitare l’ingresso agli studenti per gli studi di medicina sarebbe una sorta di strano suicidio rituale.

Inoltre, spiega il quotidiano, le scuole private hanno come prima entrata le tasse di iscrizione: mettere il numero chiuso alle facoltà porterebbe un serio danno alla loro attività. «Prenderemo certamente in considerazione la possibilità di presentare una denuncia, dato che la manovra andrebbe a incidere gravemente sulla concorrenza economica», ha detto il capo della Facoltà di Giurisprudenza della Paneuropean University, Jaroslav Ivor.

(La Redazione, Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google