Si dimette direttore dell’Ente turismo: «Il country branding è la strada giusta»

Il direttore generale dell’Agenzia slovacca per il turismo (Sacr), Peter Belinsky, ha annunciato la scorsa settimana in una conferenza stampa le sue dimissioni, dopo 19 mesi a capo della promozione del turismo slovacco. Ho deciso di dimettermi, ha detto Belinsky, «dopo essere venuto ad un accordo con il Ministro dei Trasporti», il leader del suo partito Jan Figel.

Belinsky, che è membro del presidium del Movimento Cristiano Democratico (KDH), ha detto di aver completato il suo compito di ripulire dalla politica l’agenzia Sacr, e ora intende prendersi «un periodo di riposo», senza però specificare se lascia anche il settore del turismo. Il nuovo capo di Sacr verrà da una procedura di selezione pubblica, e il nuovo Ministro dei Trasporti Jan Pociatek sarà tenuto a nominare un consiglio di amministrazione per l’agenzia che dovrà poi trovare il nuovo direttore con un bando pubblico. Fino ad allora Sacr sarà guidata dal vice direttore Frantisek Stano.

Tra i risultati del suo mandato, Belinsky ha citato il processo di trasformazione dell’agenzia quale coordinatore globale per lo sviluppo del country branding della Slovacchia invitando a parteciparvi tutti i ministeri e gli organismi competenti. Inoltre, la recente istituzione da parte di una serie di enti locali di agenzie di gestione del turismo territoriale, le DMC (destination management company). Una occasione importante per testare questo processo evolutivo, pensa Belinsky, sono le Olimpadi di Londra che si terranno quest’estate, dove l’ente turismo ha sviluppato il concetto di una presentazione comune della Slovacchia, nel tentativo di riunire diplomazia politica, economica, sportiva e culturale del Paese. Belinsky ritiene che il nuovo governo continuerà in questa direzione.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.