Nuova legislazione slovacca impedirà alle finanziarie di applicare interessi e sanzioni usurari

Il quotidiano Pravda venerdì 25 Giugno A pagina 13, ha sentito funzionari del Ministero della Giustizia in merito al trattamento da usura che le società finanziarie non bancarie applicano ai loro clienti, e sulla modifica legislativa che, con effetto dal 1° luglio, fa divieto di adottare gli alti interessi che vengono ora applicati sugli inadempienti nei rimborsi dei prestiti.

«Le sanzioni per il ritardato pagamento non potranno superare di oltre il 10 per cento il tasso annuo di mercato», dice il portavoce per il Ministero della Giustizia Michal Jurci, aggiungendo che il TAEG (tasso annuo effettivo globale) è fissato ad intervalli trimestrali dal Ministero secondo interessi e ammende utilizzati da banche e istituti non bancari nei confronti dei clienti.

Peter Straka, capo della commissione di verifica di termini e condizioni dei contratti ai clienti avrebbe detto che il Ministero continua a registrare tali casi del passato, ove la sanzione per i ritardi di pagamento su un prestito di 300 euro è balzata a qualcosa come 3 300 euro.

(Fonte Pravda)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.