Zitnanska: non ho parlato con Dzurinda dei miei piani per SDKU

Lucia Zitnanska si candiderà a presiedere SDKU-DS al congresso in programma dopo le elezioni, ma non ne ha ancora parlato con l’attuale leader Mikulas Dzurinda. La Zitnanska, attuale vice presidente del partito e Ministro della Giustizia, ha ammesso ieri in una conferenza stampa di aver appena accennato a Dzurinda della sua intenzione un quarto d’ora prima di annunciarlo alla riunione del Consiglio centrale che si è tenuta sabato. Anche questo particolare potrebbe dare un ritratto di quelle che sono oggi le relazioni tra la “vecchia guardia” dell’Unione democratica e cristiana slovacca, rappresentata da Dzurinda e dal Ministro delle Finanze Ivan Miklos, e “il nuovo che avanza”.

«Voglio dare una possibilità al programma che rappresento. È un passo per dare una chance a SDKU», ha dichiarato il Ministro, che ha condizionato la sua decisione al sostegno che otterrà alle elezioni politiche del 10 marzo, presentando ufficialmente la candidatura se ottiene più voti di preferenza del capo del partito. Sento il sostegno all’interno del partito, ha detto, e «per gli elettori di SDKU io sono la garanzia che quando decido di agire in qualche modo lo faccio».

La Zitnanska aveva ribadito pochi giorni fa che ad appena tre settimane dalle elezioni non c’era più tempo per modificare le liste elettorali e cambiare le facce “scomode” che hanno perso credibilità nei confronti degli elettori.

I cambi si faranno dopo, al congresso. In ogni caso, aveva detto, il partito non ha perso consenso soltanto per il caso Gorila, ma per una generale disaffezione degli elettori.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google