Sondaggio MVK: SDKU morto e sepolto con solo il 4,3%. Analisti: il partito in guai seri

È l’agenzia MVK a sigillare la bara all’ex maggior partito di destra in Slovacchia, che ha guidato tre Governi negli ultimi quindici anni e ne ha passati altri ai vertici. Nell’indagine d’opinione che si è svolta nella seconda settimana di febbraio (7-12), SDKU-DS avrebbe ottenuto appena il 4,3% dei voti. Dunque, non sarebbe entrato in Parlamento, andandosi ad aggiungere agli altri due partiti della “vecchia” era che sono scomparsi dall’arco parlamentare slovacco nella scorsa tornata elettorale del giugno 2010, HZDS e SMK.

Il sondaggio MVK ha mostrato ancora una volta che le elezioni saranno dominate dai socialdemocratici di Smer-SD, ora all’opposizione, che hanno goduto del sostegno del 40,6% degli intervistati, seguiti dai Democratici-Cristiani (KDH) col 12,7%, un ottimo risultato per loro. Viene poi Gente Ordinaria e Personalità Indipendenti con un più che discreto 7%, Libertà e Solidarietà (SaS) al 6,1% (era oltre al doppio nel 2010), e Most-Hid col 5,9%, pure in calo.

Oltre ad SDKU, sparirebbe dalla tabella parlamentare anche il Partito Nazionale Slovacco (SNS) che sarebbe al 3,6%, e il nuovo 99%-Voce Civica, che di volta in volta sale e scende e qui sarebbe dato al 3,4%. Ma il primo dei non eletti sarebbe il partito etnico-ungherese SMK con il 4,7%.

Schiaccianti i risultati in termini di seggi per Smer, che avrebbe 84 seggi, abbondantemente abbastanza per governare solo. Il sondaggio è stato effettuato tra il 7-12 febbraio su 1.128 interviste telefoniche.

Il politologo Jan Baranek ha commentato per Tasr i risultati del sondaggio mettendo in gran risalto il fatto che SDKU è davvero in serio pericolo. Il partito avrebbe un grande vantaggio, ha detto l’analista, se il suo presidente Mikulas Dzurinda si dimettesse: questo sarebbe un buon segnale in generale e un impulso positivo per gli elettoriche ancora non hanno deciso al 100% per chi votare. «Stanno aspettando un segnale che il partito è in grado di fare autocritica», ha detto Baranek. Il collega analista Miroslav Radek invece non crede che le dimissioni di Dzurinda aumentino la popolarità di SDKU. «Ci sono appena tre settimane da qui alle elezioni, è oggettivamente troppo tardi per un tale cambiamento. Può essere un segnale, ma non sono certo se potrebbe spingere la gente a votare per SDKU», ha detto Radek. Secondo lui, comunque, SDKU ce la farà lo stesso ad entrare in Parlamento.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google