Banche: calo inflazione a gennaio inferiore alle previsioni. Stime per il 2011 al 2,5-3%

L’inflazione al 3,9% su base annua registrata nel mese di gennaio (come annunciata dall’Ufficio di Statistica martedì) segna l’inizio della discesa, secondo gli analisti economici, un «processo che dovrebbe continuare nel corso di quest’anno», come ha detto Marek Gabris della banca CSOB. Secondo lui, il tasso dovrebbe gradualmente scendere al 2,5-3%. L’analista Lubomir Korsnak di UniCredit Bank Slovakia prevede uno sviluppo simile, anche grazie a un possibile calo del prezzo regolamentato del gas e al previsto rallentamento nella prima metà dell’anno dei prezzi alimentari. Gli analisti sottolineano però che il tasso d’inflazione a gennaio è stato superiore alle aspettative, e tra le cause è citata ad esempio la crescita piuttosto incisiva «dei prezzi di riscaldamento, così come di altri prezzi regolamentati», ha detto Gabris, aggiungendo che l’agenzia Bloomberg e le banche contavano su un più moderato 3,3%.

Il commento della Banca Centrale della Slovacchia (NBS), rilasciato sul proprio sito, è che a febbraio sarà da attendersi un lieve rallentamento del tasso di inflazione su base annua, grazie alla decelerazione  «dei prezzi dei prodotti alimentari, anche alla luce degli sviluppi dei prezzi delle materie prime». Inoltre, NBS si aspetta che i prezzi dei servizi e dei carburanti ne seguiranno l’esempio virtuoso, rallentando la loro crescita.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google