Ben il 40% degli slovacchi credono che non esistano politici onesti

Secondo un’indagine realizzata dall’agenzia Wake Up gli slovacchi sembrano disgustati dalla politica, in particolare dopo l’emergere del cosiddetto dossier Gorilla. Quattro su cinque degli intervistati hanno detto che he i politici menzionati nel file non hanno il diritto morale di candidarsi alle prossime elezioni parlamentari. L’indagine è stata realizzata tra il 6 e il 10 febbraio con 1.496 interviste telefoniche, dalle quali risulta che più del 40% dei rispondenti ha anche detto che non c’è un politico onesto in Slovacchia. Si tratta di un dato particolarmente elevato nella breve storia del Paese, secondo Henrieta Bogdalikova di WakeUp.

In particolare, alle domande «Secondo lei i politici connessi con il caso Gorilla hanno il diritto morale di candidarsi alle elezioni)» e «Quale uomo politico lei considera onesto?», quasi l’80% ha risposto no alla prima domanda e il 43 % ha risposto nessuno alla seconda, mentre il 20% non ha risposto.

Chiesti di specificare quale partito dovrebbe essere escluso dalle elezioni, il 25% dei rispondenti anno citato SDKU, il partito maggiormente coinvolto nel caso Gorila, seguito da Smer (quasi il 15%) e dal Partito Nazionale Slovacco (quasi l’11%).

Ma c’è anche chi ha citato un politico che considera onesto, con questi risultati: Robert Fico (Smer, 10,6%), Bela Bugar (Most-Hid, 5,5%), Iveta Radicova (SDKU, 5,3%), Igor Matovic (Gente Ordinaria, 4,0%), Daniel Lipsic (KDH, 2,3%), Richard Sulik (Libertà e Solidarietà /SaS, 1,5%), e Jan Figel (KDH, 1,3%).

(Fonte webnoviny)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google