Rejda: Dzurinda ha direttamente interferito come Premier con le indagini del caso Gorila

Jan Rejda, ex capo delle operazioni speciali dell’Ufficio anti-corruzione, ha detto alla tv TA3 che se Mikulas Dzurinda, allora Primo Ministro, avesse voluto che il caso ‘Gorila’ venisse adeguatamente indagato nel suo secondo mandato governativo, oggi sarebbe già stato risolto. Penso che Dzurinda «abbia direttamente interferito nelle indagini di questo caso. Questa è la mia opinione personale», ha detto Rejda, sottolineando che Dzurinda come Premier doveva sapere delle attività del servizio di intelligence (SIS), perché tutte le conclusioni dei servizi di intelligence che devono essere passati ad altro organo dell’amministrazione dello Stato, passano prima dal Primo Ministro. «Dzurinda conosceva sicuramente il caso Gorila», ha specificato Rejda, che ha anche annunciato di ritirare il suo nome come candidato per il partito Legge e Giustizia (PAS), volendo escludere qualsiasi sospetto che lui stia cercando di politicizzare il caso.

Secondo i documenti del dossier Gorila apparsi su internet, ma non ancora ufficialmente confermati, Rejda avrebbe incontrato Jaroslav Hascak del gruppo finanziario Penta più volte nell’appartamento “coperto” su via Vazovova a Bratislava. Ha pubblicamente ammesso recente gli incontri, sostenendo che era stato incaricato di ottenere informazioni per la Polizia.

Intanto il Ministero dell’Interno prevede di pubblicare i risultati parziali delle indagini sul caso Gorila nelle prossime settimane. «La pubblicazione dei risultati parziali impedirà che l’indagine venga spazzata sotto il tappeto», ha detto ieri il Ministro Lipsic (KDH). Il Ministro ha poi ribadito il suo sostegno ai manifestanti della protesta che si ripeterà anche a Bratislava domani, sottolineando che la Polizia è «dalla loro stessa parte», ma ha anche avvertito gli organizzatori che ci sono sospetti di provocatori che potrebbero causare problemi.

Lipsic ha difesa la Polizia nella manifestazione del 27 gennaio, quando il Parlamento è stato danneggiato dai dimostranti (si parla ora di 1.800 euro di danni), e ha detto che fin che «la dimostrazione è pacifica, la Polizia in una democrazia non può intervenire». Alla nuova marcia di domani gli organizzatori preannunciano una maggiore partecipazione, fino a 10.000 persone.

(Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google