Sondaggio: Smer in testa prima di KDH. Si conferma il crollo del partito del Premier SDKU

L’ultimo sondaggio telefonico effettuato dall’agenzia Focus tra il 20 e il 27 gennaio mostrerebbe che sono sette i partiti che riuscirebbero ad entrare in Parlamento. Dopo Smer-SD, che vincerebbe con il 41,4% dei voti e 72 seggi (appena 4 in meno della maggioranza parlamentare), viene al secondo posto il Movimento Cristiano Democratico (KDH) col 9,4% e 16 mandati. Il partito che guida attualmente il Governo, SDKU-DS, conferma invece un forte calo di consenso dopo l’uscita su internet dei documenti del dossier Gorila, che documenterebbe la sua corruzione. Il partito dell’ex Premier (2 volte) Mikulas Dzurinda otterrebbe soltanto l’8,2% dei voti e quattordici seggi in Parlamento, quasi dimezzando il consenso ricevuto quasi due anni fa. Anche Libertà e Solidarietà (SaS) mostra il forte calo dopo aver fatto cadere il Governo in ottobre con un 7,6%, ed è seguito da Most-Hid con il 7,2%. Entrambi avrebbero 13 seggi.

Cresce nel frattempo il sostegno del pubblico nei confronti della nuova formazione del ribelle Igor Matovic, Gente Comune e Personalità Indipendenti (OL), che si attesta ad un ottimo 6,8%, quota che gli garantirebbe 12 posti in Parlamento. Ultimo partito della lista parlamentare sarebbe il Partito Nazionale (SNS) guidato da Jan Slota, con un 5,6% di sostegno e 10 deputati.

Una piccola sorpresa per un altro nuovo partito, 99 Per Cento – Voce Civica, che non è troppo lontano dalla soglia di sbarramento del 5% e potrebbe anche farcela. Ottiene ora il 4,3% dei voti.

Dei 1.141 intervistati che hanno preso parte al sondaggio, il 16,5% non parteciperebbe alle elezioni, mentre il 31,5% era indeciso se andare o meno, e oltre la metà degli intervistati avrebbe sicuramente votato. L’11,4% ha detto di non aver ancora deciso per chi votare.

(Fonte Sita)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google